Tu sei qui

Moto3, Bastianini e Bagnaia preparano l'attacco

Tutti i commenti dei protagonisti di Moto3 e Moto2 al termine della due giorni di test a Valencia

Valencia ha salutato il piloti di Moto2 e Moto3, dando il suo arrivederci al prossimo anno. Le squadre hanno potuto approfittare di due giorni importanti (QUI trovate i tempi) per preparare al meglio il 2015. Alcune saranno ad Almeria la prossima settimana, altre torneranno in pista a febbraio dopo lo stop invernale.

Questo il commento dei protagonisti al termine delle prove.

Enea Bastianini: “è proseguito il nostro cammino alla scoperta di questa nuova moto, effettuando altre modifiche nel tentativo di migliorare il mio feeling in sella. Posso dire di essere soddisfatto del lavoro svolto, perché a fine giornata mi sentivo a mio agio. Ovviamente guido la Honda da soli due giorni, per cui c’è ancora tanto lavoro da fare, anche dal punto di vista del mio stile di guida. Ho dovuto cambiare modo di guidare e i prossimi test ad Almeria saranno importanti per migliorare anche su questo fronte”.

Francesco BagnaiaFrancesco Bagnaia:ho fatto molti giri, la maggior parte re dei quali produttivi. È stato un peccato non avere potuto provare nel primo giorno a causa di un virus intestinale e non mi sento ancora al meglio. Anche con il mal di testa, sono riuscito a lavorare e raccogliere molte informazioni. La Mahindra mi piace ogni volta di più e il team mi sta aiutando a migliorare il mio metodo di lavoro. Stiamo gradualmente costruendo fondamenta solide e spero di continuare così”.

Juanfran Guevara:nella seconda giornata ho sofferto un po’ per la caduta nella prima. La cosa positiva è che abbiamo potuto provare un’evoluzione del telaio 2014 e ha funzionato bene. Mi sono sentito bene e sembra abbia un gran potenziale”.

Jorge Martín: è stata una giornata strana, prima il motore non funzionava bene, aveva cali di potenza. Poi un altro problema mi ha fatto fermare. Per fortuna ho potuto continuare a lavorare con la moto di Juanfran. Abbiamo fatto delle modifiche per risolvere il chattering e i risultati sono stati positivi”.

Fabio QuartararoFabio Quartararo:questi due giorni a Valencia sono stati molto produttivi. Gli obiettivi principali sono stati conoscere la squadra e provare i miglioramenti di Honda sulla moto per la prossima stagione. Mi è veramente piaciuto girare con i piloti del Mondiale e confrontarmi con loro. Le sensazioni in generale sono state positive”.

Maria Herrera: “sono molto felice perché questo test è stato una buona iniziazione alla KTM. Mi sono sentita subito bene, le sensazioni sono state buone in frenata e ho potuto essere veloce. Nel secondo giorno mi sono concentrata sul passo e ho provato nuovo materiale. Ora mi riposerò un po’ e mi preparerò alla nuova stagione e ai test di febbraio”.

Tito Rabat:sono stati due giorni molto produttivi e le mie sensazioni sulla Kalex 2015 sono veramente buone. Abbiamo provato molte cose, ma ho anche dovuto adattare leggermente il mio stile di guida. Il mio passo è stato buono e anche il tempo sul giro secco, sono contento. Adesso andremo ad Almeria per continuare a lavorare”.

Alex Marquez: sto continuando ad adattarmi alla Moto2 passo dopo passo, è il mio obiettivo. Lo stile di guida è diverso da quello della Moto3, che richiede una grande velocità di percorrenza. Con questa moto devi essere invece più aggressivo in frenata per poi rialzarla presto. Stiamo andando nella giusta direzione e sono a solo un secondo da Tito, anche se le due cadute mi hanno fatto perdere un po’ di fiducia e ci ho messo un po’ a ritrovarla. Dobbiamo continuare così ad Almeria”.

Luis Salom: “sono stato subito veloce e avrei potuto migliorare il mio tempo nel finale se non avessi trovato traffico. Le sensazioni sono veramente molto buone e sono molto contento perché abbiamo fatto un passo avanti importante. Spero di potere lavorare ancora nel prossimo test, che sarà l’ultimo prima dello stop invernale”.

Alex Rins:sono molto contento. Il mio tempo è stato abbastanza veloce considerando che era la prima volta che giravo a Valencia con la Kalex. Continueremo a lavorare duramente per continuare l’adattamento alla nuova categoria”.

Johann ZarcoJohann Zarco: “questi due importanti giorni di test a Valencia si sono conclusi bene. Il primo non è stato facile, ma nel secondo ho fatto un importante passo avanti. Gli obiettivi che ci eravamo posti sono stati raggiunti. C’è ancora spazio per migliorare con telaio, sospensioni e altro, devo stare calmo e continuare a lavorare nella giusta direzione. La cosa più importante è avere avuto buone sensazioni, ho imparato dai miei errori”.

Xavier Simeon: “abbiamo concluso questi primi due giorni di test in maniera molto positiva: i nostri tempi si sono abbassati e soprattutto il mio feeling con la moto è aumentato molto. C’è ancora da lavorare, ovviamente: non conosciamo ancora a fondo la Kalex e sicuramente la nostra esperienza da questo punto di vista è molta meno rispetto a quella che può vantare Rabat, ad esempio, ma nonostante tutto siamo stati veloci e ciò è confortante. È continuato il lavoro sul set-up: abbiamo provato diverse soluzioni trovandone alcune buone, altre meno; un’esperienza molto utile che comunque proseguirà anche nei test che effettueremo ad Almeria la settimana prossima”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti