Tu sei qui

SBK, Aragon: Ducati batte Kawasaki al debutto

Giugliano e Davies con tempi identici, Sykes a quasi un secondo. Debutto positivo per Rea

È ancora presto per fare pronostici sulla stagione a venire, ma ad Aragon Ducati ha raccolto indizi incoraggianti per quanto riguarda la competitività della Panigale in versione “2015”. I piloti ufficiali, Davide Giugliano e Chaz Davies, hanno infatti chiuso con tempi identici – 1’51.3 – la prima di due giornate di prove sul tracciato di Alcañiz, precedendo abbastanza nettamente il duo Kawasaki con il quale dividono la pista (presente anche Sofuoglu con il team Puccetti WSS).

“Come inizio è andata molto bene – ha dichiarato Giugliano Stiamo lavorando su cose che non abbiamo avuto il tempo di provare né a inizio anno, perché allora dovevo innanzitutto prendere confidenza con la moto, né durante le gare. L’obiettivo è quello di mantenere un passo buono”.

Tutto sensato, se si considera che il romano si è quasi sempre dimostrato uno dei clienti più ostici sul giro secco ma ha faticato nel trovare continuità sulla distanza di gara.

“Abbiamo provato anche il nuovo scarico ed un’elettronica un po’ diversa da quella usata finora (come da regolamento, che impone kit con un tetto ai prezzi da 8000 euro, nda) ed è andato tutto bene, anche se dobbiamo verificare la performance – ha aggiunto Giugliano – Sono molto contento perché per la prima volta mi sono concentrato solo sul passo e siamo andati molto bene con gomme usate. Ho portato un treno a più di 22 giri”.

Per gli amanti delle comparazioni, i tempi delle derivate di serie – che per la prima volta utilizzano la stessa configurazione adottata dalla MotoGP, senza tornantino in fondo al rettilineo più lungo – sono circa tre secondi più lenti di quelli segnati dai prototipi. Vanno però prese in considerazione le condizioni meteo (temperature più fredde, 14 gradi la massima) e la pioggia caduta al mattino.  Quasi un secondo più lente le Kawasaki ufficiali di Tom Sykes e Jonathan Rea. Il vice-campione ha chiuso con un tempo di 1’52.2, quattro decimi più veloce del nuovo compagno di squadra (1’52.6 al debutto con la ZX10-R), al debutto sulla "verdona" dopo sette anni in Honda tra WSS e SBK.

I tempi:

1’51.3 Giugliano, Davies

1’52.2 Sykes

1’52.6 Rea

1'55.6 Sofuoglu



Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti