Tu sei qui

SBK, Losail: Guintoli è campione del mondo

GARA - Il francese domina gara 2 e batte Rea e Sykes, conquistando il titolo iridato.

"Daddy, did you win?" il ritratto più bello, più profondo, commovente e meritevole per descrivere Sylvain Guintoli è difficile da ricercare, ma probabilmente può essere racchiuso nello sguardo quasi incredulo, ma degno di gioia pura di uno dei suoi quattro figli, in braccio ad una madre assolutamente commossa che continuava a ripetere "You deserve it".

Il francese ha da poco tagliato la linea del traguardo. Tom Sykes è solamente terzo, al termine di una lunga battaglia con Johnatan Rea, coronando il sogno del portacolori Aprilia.

Niente urla nel casco come in gara uno, ma tante lacrime che si intravedono attraverso la visiera, illuminate dalla luce dei riflettori.

Sylvain Guintoli è il nuovo campione del mondo del campionato mondiale Superbike edizione 2014.

Lacrime, sorrisi puri, la giusta sportività del Re abdicante la corona Sykes che in parco chiuso si è subito andato a congratulare, raccontando poi ai microfoni la sua amarezza: "Chiaramente è una di quelle gare che vanno cosi. Oggi forse...certo non è andata bene gara 1. Ci sono stati problemi durante la stagione che mi vengono in mente. Sylvain oggi l'ha meritato ed oggi è andata cosi. Lui ed il suo pacchetto è stato più forte. Hanno vinto il mondiale. Certo, sono molto deluso, ma ci ho provato, ho dato il massimo ma avevamo dei limiti. Avevamo dei limiti, e alla fine quello che ho fatto non è stato abbastanza".

Le lacrime della signora Guintoli di gioia; le lacrime della signora Sykes, compassate e rispettose, passate in secondo piano quando i giovani figli di entrambe le famiglie si sono incontrate. Scene di fine campionato in cui la sportività ha vinto. E' la vittoria di Guintoli, la rivincita di chi lo ha troppe volte additato come "semplice" specialista dell'acqua, di passista incapace di tirar fuori quegli spunti da fuoriclasse che valorizzano e decretano il lignaggio, l'effige di un campione.

"Non ho perso più la voce. Ho pianto e tanto. Quando Tom era dietro, lo sapevo che lui avrebbe rischiato di tutto per venirmi dietro. A metà gara andavo forte, sempre al limite. Non penso di aver mai guidato cosi bene prima. Un feeling incredibile e devo ringraziare la squadra, ma anche Max che ha fatto tanto per questa moto. Sono andato forte. A cinque sei giri dalla fine quando ero a circa tre secondi di vantaggio mi stavo leggermente rilassando, e ho capito che potevo vincere. La dedico a mia moglie perchè tutta la stagione mi ha sopportato. Tutto lo stress, la pressione. Lei e i bambini mi hanno dato forza e stabilità", queste le parole del neo campione del mondo.

A Laguna Seca il portacolori Aprilia aveva quarantaquattro punti di ritardo. Senza proclami, senza alzate di toni, ma con la calma e la dedizione, Guintoli è arrivato a giocarsi la volata mondiale qui in Qatar. Ha incassato le critiche quando è stato aiutato da Melandri. Ha risposto sfornando due prestazioni assolutamente sibilline e da campione quando la posta in gioco era la corona iridata.

Il miglior Guintoli di sempre è arrivato proprio quando i giochi si facevano più duri: spietato, preciso, determinato, veloce, oggi il pilota francese ha corso da vero campione del mondo, e solamente una volta tolto il casco, dopo aver tirato fuori tutta la sua gioia con la squadra ed i meccanici, è tornato Sylvain, ritagliandosi uno spazio tutto proprio con la  famiglia.

Così, l'immagine più bella, mentre tutti intorno urlavano, festeggiavano, si commuovevano, è tutta racchiusa negli occhi increduli di un bimbo biondo: "Daddy, did you win?".


CRONACA DI GARA

Tutto è pronto per la partenza di Gara 2, 17 giri in totale per conquistare la corona iridata: Sykes contro Guintoli e tre punti di differenza


- Partenza valida: ottima partenza per Giugliano, Sukes però è il più veloce che chiude anche Baz. Seconda piazza per Rea davanti a Giugnliano e proprio a Guintoli. Lungo di Baz che è fuori dai giochi già per la vittoria. Sykes prova subito a scappare davanti a Rea, Giugliano e Guintoli. Rea nell'ultimo settore si fa arrembante nei confronti di Sykes, con terzo Giugliano e Guintoli.

- 16 giri al termine: alla prima staccata è Rea a portarsi in vetta alla prima staccata. Giugliano rimane comunque attaccato in terza piazza con una moto decisamente nervosa davanti a Guintoli con una moto che sembra al momento leggermente pesante con il pieno carico di benzina. Rea ora prova a dettare il ritmo ed a staccarsi da Sykes. La verdona è braccata dalla Ducati di Giugliano. Un sykes che spigola molto con poca percorrenza

- 15 giri al termine: Guintoli di motore si porta in terza posizione. Ora i due sono uno davanti all'altro con Sykes secondo e Guintoli terzo. Nel frattempo, caduta di Eugene Laverty. E' un poker tra italiane e giapponesi: Rea e Sykes con Guintoli e Giugliano nelle prime quattro posizioni. Quinto Elias davanti ad un Melandri che prova il recupero.

- 14 giri al termine: Attacco di Guintoli che supera Sykes alla prima staccata. Il francese addirittura prova a superare Rea ma l'alfiere Honda si difende bene. Si sono avvicinati al contempo sia Elias che Melandri, seguiti da Chaz Davies. Guintoli ora sembra particolarmente in palla, mentre Sykes ora se la deve vedere con Giugliano.

- 13 giri al termine: Sul rettilineo è ancora Guintoli che si porta in staccata in prima posizione. Il francese chiude bene la traiettoria e conferma la sua prima posizione. Attenzione però a Sykes che ora deve assolutamente rispondere altrimenti il mondiale sarà perso. Attenzione però anche a Rea che nell'ultimo tratto è apparso molto veloce, sopratutto in scorrevolezza.

- 12 giri al termine: Guintoli sul traguardo ha 2 decimi di vantaggio su Rea, davanti a Sykes e Giugliano. Il francese continua a dettare il ritmo e, ad ora, Guintoli sarebbe campione del mondo con 6 punti di vantaggio. Brutta caduta al contempo per Aaron Yates, trasportato in barella ma assolutamente cosciente. I primi tre nel frattempo stanno prendendo sempre più vantaggio con Giugliano poi braccato e superato da Elias

- 11 giri al termine: Lo strappo è avvenuto. Guintoli, Rea e Sykes ora si trovano con un vantaggio di oltre due secondi su Elias, Giugliano e Melandri. Il francese inoltre sta prendendo vantaggio su Rea e, conseguentemente anche su Sykes che deve per forza reagire se vuole confermarsi campione.

- 10 giri al termine: Alla prima staccata Sykes affianca e supera Rea chiudendo bene la traiettoria. Sykes sembra essersi svegliato ed ora bisognerà vedere se e quanta forza avrà di reagire nei confronti di Guintoli che ha circa un secondo di vantaggio. Rea però non molla, mentre intanto Giugliano sembra perdere terreno venendo sopraffatto sia da Melandri che da Davies.

- 09 giri al termine: Rea continua a braccare Sykes, mentre al contempo Guintoli ha 1.5 secondi di vantaggio, e sta aumentando il vantaggio

- 08 giri al termine: 1'57.906, nuovo giro più veloce per Sylvain Guintoli che ora precede Sykes di 2.2 secondi, mentre Sykes guida in 1'58.6. Il francese sta guidando in maniera molto efficace ed oltretutto, anche nel T3, settore dove perdeva di solito, ora guadagna

- 07 giri al termine: Guintoli continua a correre in vetta solitaria, mentre Rea continua a braccare Sykes. sul traguardo l'Aprilia ha sostanzialmente 2.9 secondi di vantaggio.

- 06 giri al termine: Se Guintoli davanti è solitario, Rea ora passa dalle parole ai fatti e tenta l'attacco su Sykes costringendo comunque il pilota Kawasaki a doversi difendere.

- 05 giri al termine: Sykes sembra sempre più in difficoltà e Rea ancora una volta prova l'attacco. Sykes sembra non averne più di anteriore tanto che Rea deve allargare perchè di percorrenza sembra andare il doppio.

- 04 giri al termine: Sylvain Guintoli continua a girare in 1'58.3, guadagnando altri due decimi ad un Sykes che le sta provando tutte per tenersi anche dietro Johnny Rea. Dietro nel frattempo, Melandri si trova in quarta posizione davanti a Davies ed Elias. Alla penultima curva Rea prova l'attacco e Sykes lo stringe verso l'esterno

- 03 giri al termine: 3.9 secondi il ritardo di Sykes dalla vetta con Guintoli che continua a correre. Di colpo Sykes si alza e lascia passare Rea. L'inglese si è voltato dalla parte sbagliata per guardare dove fosse Rea con l'alfiere Honda che lo supera dall'altro lato. Sykes non sembra in grado di reagire.

- 02 giri al termine: Guintoli ha 4.6 secondi di vantaggio su Rea, e 5.3 secondi su Sykes. Il francese ha finora tenuto un ritmo infernale.

- Ultimo giro: Sylvain Guintoli taglia il traguardo: il francese è il nuovo campione del mondo 2014 del campionato del mondo Superbike.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti