Tu sei qui

SBK, WUP: Kawasaki ancora davanti, Guintoli 4º

Primo tempo di Baz davanti a Giugliano, Sykes terzo ed unico con gomma usata

La Superbike ha ultimato le rifiniture in Qatar, ed ora è veramente tutto pronto per la sfida che decreterà il campione 2014. Il WUP, la cui classifica indica distacchi minimi con nove piloti in otto decimi, ha decretato un vantaggio, seppur minimo, di Kawasaki.

Come nelle qualifiche di ieri, le ZX10-R di Loris Baz e Tom Sykes hanno preceduto le RSV4 di Sylvain Guintoli e Marco Melandri. Il transalpino in procinto di passare alla MotoGP ha siglato il miglior tempo con un 1’58.647, mentre Sykes è stato due decimi (più precisamente, +0.225) più lento, chiudendo al terzo posto. Vale comunque la pena di sottolineare come, tra i primi, Sykes sia stato l’unico pilota a non utilizzare una gomma nuova. Il ritmo di gara, stando ai cronologici, sembra plafonato su 1’59 basso, ma rimane da determinare la scelta della gomma posteriore, comunque di mescola morbida. La più performante (denominata 722) offre minori garanzie di durata rispetto alla SC0, ma il forte vento odierno sembra aver reso la pista più sporca rispetto a ieri.

Tra i due si è inserito Davide Giugliano (+0.109), che dopo la pole position di ieri pare aver trovato le conferme che cercava anche dal punto di vista del ritmo, girando senza difficoltà in 1’59 basso. Per il ducatista restano da trovare la costanza sulla lunga distanza, dal momento che accusa un leggero calo dopo i primi giri.

Tornando alla sfida per il titolo, Guintoli ha fatto registrare il quarto tempo (+0.385), accusando l’intero distacco nel T3, che come ieri resta il punto critico per il francese. Il pilota Aprilia ha comunque espresso pareri positivi riguardo al proprio potenziale, facendo notare come il vento possa mischiare ulteriormente le carte in tavola. Risale leggermente Marco Melandri, sesto (+0.586), che ha addirittura provato una gomma dura all’anteriore senza però trovare le risposte che cercava.

Tra i due piloti Aprilia si è inserito Jonathan Rea, quinto (+0.474) ed in lizza per il ruolo di outsider nonostante la settima posizione in qualifica visto il passo mostrato durante le libere. Leggermente più attardato Chaz Davies, settimo, davanti a Alex Lowes e Leon Haslam. Bella sfida nella EVO tra David Salom, undicesimo, e Niccolò Canepa, dodicesimo. I due hanno preceduto Eugene Laverty, alle prese con problemi elettrici di difficile soluzione che lo hanno relegato nelle retrovie dopo i segnali incoraggianti mostrati venerdì. Da segnalare il forfait di Sheridan Morais per una brutta botta alla scapola destra rimediata durante la Superpole 1 di ieri.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti