Tu sei qui

SBK, Folegnani chiama Biaggi per la nuova RSV4

Il tecnico di Red Devils vorrebbe Max per i collaudi ed è sicuro della competitività della moto di Noale

Folegnani chiama Biaggi per la nuova RSV4

La RSV4, numeri alla mano, è la moto più vincente del passato recente della Superbike e Aprilia, in Qatar, è in piena lotta per il titolo piloti e quello costruttori. Il futuro, tuttavia, non riserva certezze. Anzi, c’è chi dice che i cambi regolamentari da implementare la prossima stagione mettano seriamente a repentaglio la competitività della moto di Noale. A parlarcene è Enrico Folegnani, capotecnico di Toni Elias nel team Red Devils, squadra che il prossimo anno rimarrà emissaria della Casa italiana (con Leon Haslam ed un secondo pilota da definire) dopo la chiusura del team interno.

“È un punto sul quale molti hanno dubbi – ha raccontato Folegnani – Penso che Aprilia lavorerà duramente per mantenere la competitività attuale, se non addirittura incrementarla. In ogni caso, se il team avrà un un supporto ufficiale, credo che la moto sarà in grado di vincere delle gare”.

Una versione aggiornata della RSV4 verrà presentata la prossima settimana al salone di Milano. Tuttavia, per vederla in pista, bisognerà aspettare ancora un po’.

“Presumo che Aprilia programmerà dei test, e in principio proveranno con la versione attuale della moto, depotenziata (ed equipaggiata con valvole, bielle e pistoni di serie, nda), ma vicina alla versione dell'anno prossimo”.

Oltre al motore, il regolamento 2015 limita ulteriormente le modifiche approvabili alla trasmissione.

“È un peccato – ha analizzato Folegnani – Così, il cambio estraibile progettato da Aprilia non ha molto senso. Comunque penso che lavoreranno sul motore, in particolare la coppia, per sfruttarla al massimo anche qualora le marce non fossero ‘perfette’. Chiaramente è un vantaggio per Ducati, perché l’erogazione di un bi-cilindrico di cilindrata elevata garantisce più coppia soprattutto ai regimi medio bassi”.

In fin dei conti, comunque, la situazione non appare particolarmente preoccupante.

“Penso sia possibile lavorare sulla configurazione a V, che può dare più coppia di un fronte marcia ed ha un’erogazione più dolce, ma comunque potenza sufficiente. Credo che l’elettronica poi non cambierà molto per Aprilia. Ognuno è preoccupato tranne forse Ducati che ha anticipato le mosse, ma dipenderà molto dai circuiti. Per me sarebbe un’altra bella sfida”.

Folegnani, che ha vinto titoli mondiali da meccanico con Max Biaggi (oltre ad Harada e Corser). Perché non provare a convincere il Corsaro a fargli da tester?

“Ci ho pensato, non credo che voglia impegnarsi a tempo pieno”, ha chiosato ridendo.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti