Tu sei qui

MotoGP, Weekend finito per Iannone, troppo dolore

Andrea ha provato senza antidolorifici nelle FP3: "problemi in frenata e in curva, troppi rischi a continuare"

Andrea Iannone ha deciso di arrendersi, il dolore al braccio sinistro dopo la caduta di ieri nel secondo turno di libere, causata da Marquez, è troppo grande. Questa mattina il pilota di Pramac, già segnato sull’anca dopo l’incidente di Phillip Island, ha provato a salire sulla sua Ducati senza prendere antidolorifici per potere valutare con certezza l’infortunio. Il responso è stato negativo, è riuscito a completare appena tre giri stringendo i denti e girando a sei secondi dai migliori.

“I problemi maggiori sono in frenata e nelle curve a sinistra – spiega Andrea – Abbiamo esaminato anche i dati con i miei tecnici e si vede chiaramente che non riesco a sollevare la moto, non ho controllo”.

La situazione è troppo rischiosa per continuare in queste condizioni e Iannone ha scelto saggiamente di fermarsi e non prendere parte né alle qualifiche né alla gara a Sepang.

Prenderei troppo rischi, non ne vale la pena. Parlerò ancora con i medici della Clinica Mobile ma non ci sono troppe possibilità – continua – Sento dolore al braccio, all’anca e alla schiena. In questo momento la cosa migliore è tornare in Italia e fare altri esami, anche se non c’è niente di rotto, e sottoporsi subito ai trattamenti più appropriati. L’obiettivo è tornare in forma per Valencia, fra due settimane”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti