Tu sei qui

CIV, Mugello: vietato cantare vittoria

Goi vince in SBK, ma Baiocco, secondo in rimonta, tiene duro. Tutto ancora da decidere anche in Moto3 e SS

Ad un round dal termine dei giochi, la stagione del CIV, che vede l'epilogo nel doppio appuntamento del Mugello, mantiene ancora alta la suspense e se si escludono le vittorie dei giovanissimi Nepa ed Arbolino nella preMoto3, saranno le gare di domani (domenica, ndr) ad incoronare i Campioni nazionali 2014.

In SBK sono Ivan Goi e la sua Ducati gommata Michelin a portare a casa la vittoria costruita già allo scattare del semaforo. Gara sempre in testa e sembrava fosse ormai cosa fatta tra Ivan ed il titolo, ma negli ultimi giri di gara Baiocco, in rimonta dalla 17a piazza dopo prove difficili causa meteo ballerino, è riuscito con cuore e grinta a risalire fino al secondo gradino del podio acciuffandolo ai danni di un veloce Gianluca Vizziello su BMW, e rimandando i sogni di gloria del rivale alla gara di domenica. Il pilota di Osimo che corre anche lui con la Panigale, ma gommata Pirelli, accusa però ora un distacco di 19 punti dalla vetta, ed a Goi, domani, basterà racimolare 6 punti per laurearsi Campione Italiano.

Bella lotta in SS in una gara divisa in due per Red Flag al 7° giro, dove i tre protagonisti nella corsa al titolo hanno dato vita ad un'avvincente bagarre in entrambe le frazioni, e conclusasi in volata sotto la bandiera a scacchi. L'epilogo però è culminato in un piccolo giallo, quando in un primo momento la vittoria è stata assegnata a Massimo Roccoli risultato primo per 10 millesimi su Caricasulo. Un secondo sguardo al fotofinish però ha cambiato l’ordine d’arrivo premiando il giovane pilota rivelazione su Honda che così vede aumentare il suo margine su Cruciani, terzo ad un’incollatura dai primi due, ed ora a 15 punti dal leader. Roccoli dal canto suo, che aveva festeggiato la vittoria sul podio, dopo la beffa del fotofinish ora segue a 21 punti. Il distacco per il pilota MV appare duro da colmare, ma in una classe equilibrata come la SS di quest’anno, nulla è da definirsi scontato. Sfortunata la gara di Michel Fabrizio, wildcard sulla MV, ritiratosi dopo 4 giri.

*UPDATE: dopo un riesame del fotofinish, la vittoria di Roccoli è stata ri-convalidata. L'ordine d'arrivo sul podio è dunque Roccoli, Caricasulo, Cruciani.

In Moto3 la vittoria è andata ad un redivivo Fabio Di Giannantonio, a cui evidentemente ha fatto bene il cambio di casacca dalla Kymko alla Honda. In classifica Pagliani, oggi secondo, si porta in testa per soli 4 punti su Bezzecchi, quarto e dietro in gara alla novità Del Bianco su TM; in classifica di campionato segue terzo Dalla Porta che con 14 punti di distacco dalla vetta può ancora nutrire speranze di vittoria, purchè torni ad essere incisivo come in apertura di campionato proprio al Mugello.

Tra i giovanissimi della PreMoto3 invece è tutto deciso, con i titoli conquistati con una gara di anticipo da Nepa ed Arbolino, rispettivamente Campioni nella 250 4T e 125 2T.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti