Tu sei qui

MotoGP, De Angelis: al 99% passerò in SBK

"Per restare vorrei un progetto serio". Tra le derivate di serie tre opzioni: Aprilia, MV Agusta e Althea

Dopo 15 anni Alex De Angelis potrebbe lasciare il motomondiale, per passare alla Superbike. Il sammarinese sta terminando la stagione sulla Yamaha Open del team Forward ma dovrà lasciare a Baz quella moto per il 2015. L’obiettivo principale sarebbe restare in MotoGP ma le alternative scarseggiano ed è lo stesso Alex a dire che “al 99% la prossima stagione correrò in SBK”.

Le selle libere, al momento, sono solo due. C’è la Ducati Open di Avintia, ma il team cerca un pilota con la valigia. Poi c’è l’Aprilia di Iodaracing, che però potrebbe attirare De Angelis solo a certe condizioni. “Per restare sono in cerca di un progetto interessante, se Aprilia usasse la squadra come una sorta di test team allora sarebbe un’opzione che potrebbe attirarmi – spiega – Purtroppo anche in Moto2 sono poche le squadre che offrono un programma serio e non voglio correre senza determinate certezze”.

Per questo il pilota di San Marino sta battendo il terreno nelle derivate di serie. “Per me è un mondo nuovo e ho parlato con tutti, anche con quelli che avevano già definito i piloti, proprio per farmi conoscere – afferma – Devo dire che qualche opportunità interessante c’è”.

Quali sono? Al momento le strade sono tre. La prima è quella di vestire i colori del Team Althea di Genesio Bevilacqua e salire sulla Ducati Panigale. Anche le altre opzioni riguardano moto italiane. Innanzitutto c’è l’Aprilia, con cui Alex corse già in 125 e 250, che deve ancora definire i piani per il 2015. Posto ce ne sarebbe, perché, non solo Melandri è in predicato per salire su una MotoGP, ma anche Guintoli potrebbe andarsene. L’ultima possibilità? La MV Agusta, una strada molto affascinante con un’altra Casa di primo piano.

Le trattative proseguono e il Mondiale SBK è pronta ad accogliere il suo primo pilota sammarinese.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti