Tu sei qui

Kawasaki Ninja H2R: lì dove batte il cuore

Continua la campagna di Akashi: Nuove immagini svelano un cuore da 130.000 giri

Iscriviti al nostro canale YouTube

Ed alla fine arrivò il compressore. Tanto se n'è discusso e immaginato, ma ora il nuovo video rilasciato da Kawasaki su quella che sembra sempre più una avvincente storia a puntate, pian piano ci svela il "mostro" nei più intimi dettagli. Se già era noto ai più il sistema di sovralimentazione che caratterizza l'ultima nata della serie Ninja, ora è possibile avere un quadro migliore, attraverso un'animazione che ci dà maggiori lumi su ciò che accade dalle parti del quattro cilindri della H2R.

Giostra dei miracoli- Nel breve video, viene mostrato il sistema di trasmissione tra albero motore e girante. Un sistema misto catena-ingranaggi che trasferisce il moto, opportunamente moltiplicato da un primo treno di ingranaggi e, successivamente, da un rotismo epicicloidale, dall'albero motore alla girante del compressore. Dai 14.000 giri\min di uscita dall'albero, si passa quindi ad un primo step a quota 16.000giri\min fino ai successivi 130.000giri\min delle palette.

Gran parte del merito di questa elevata moltiplicazione delle velocità è dovuto alla presenza proprio del rotismo finale, sistema che consente grandi incrementi (o decrementi) di velocità. L'essere riusciti a far rendere al meglio questo tipo di meccanismo a così elevati regimi di rotazione, sfavorito in genere dalle tante parti in movimento ed a contatto tra loro, è senza dubbio un grande merito degli uomini Kawasaki.

Rendimenti favorevoli- A differenza della sovralimentazione turbo, azionata cioè dai gas di scarico, questo tipo di applicazione può portare a degli svantaggi in termini di potenza dissipata, dovuta al trascinamento meccanico di girante e relativi collegamenti. Ecco perchè si ricorre a rapporti così spinti, per favorire una migliore resa anche a basse velocità dell'albero motore, oltre che avere adeguati valori di pressione. Ricordiamo che questo tipo di palettatura ha bisogno di velocità elevate per garantire sovrapressioni accettabili. Agli alti regimi ed a velocità di marcia sopra i 200Km\h, la sovrapressione garantita da un opportuno studio del sistema Ram- Air di alimentazione del supercharger, aiuta invece a recuperare il lavoro perso a causa delle maggiori perdite per attrito indotte dalla trasmissione supplementare, rendendo così più facile la vita al motore.

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti