Tu sei qui

SBK, WSS: Jules Cluzel profeta in patria

GARA - Sofuoglu domina e cade. Roberto Rolfo conquista il podio dietro a Van der Mark

WSS: Jules Cluzel profeta in patria

La pioggia è protagonista della domenica di Magny Cours. Se la superbike è stata una sfida nel rimanere in piedi, lo stesso dicasi per quanto concerne la Supersport. Una corsa dal doppio volto.

Il primo, quello di Kenan Sofuoglu, estremamente veloce e competitivo. Forse fin troppo veloce, considerando come il turco, nella prima metà della gara, riusciva a girare più di due secondi meglio dei suoi rivali.

Unico problema? Una visiera che si appanava fin troppo spesso. Il secondo volto è quello di Jules Cluzel che, tenacemente, gestiva la situazione in maniera ottimale, accorta. Non ha corso rischi inutili ed alla fine, la tattica del francese ha pagato.

Già, perchè la scivolata di van der Mark - poi ripartito - e, sopratutto, la caduta di Kenan Sofuoglu al tornante Adelaide, hanno spalancato la strada al francese che riporta in alto la Mv Agusta: "Che gara! All'inizio si scivolava molto e quindi sono stato tranquillo. Alla fine ho gestito la situazione, però andavo veloce! Sono contentissimo!"

Seconda posizione proprio per un van der Mark, a podio nonostante la sopracitata caduta. Sul podio sale anche il nostro Roberto Rolfo che porta la Kawasaki del team GoEleven sul terzo gradino dopo un bel duello con Florian Marino e Lorenzo Zanetti. "Questa è una pista dove ho sempre fatto fatica tutti gli anni. Non mi sentivo a posto  con la moto in questo week-end, ed invece sul bagnato mi sono trovato subito molto bene. E' un gran bel risultato sotto l'acqua". Queste le parole del torinese in parco chiuso.

Buon protagonista anche Roberto Tamburini, che chiude però in settima piazza.


CRONACA DI GARA

Partenza valida. Problemi per Roccoli addirittura nel warm-up lap. L'italiano, intelligentemente rientra ai box subito eprova a ripartire dai box. Al via, carambola nelle posizioni di rincalzo, con Wahr, Tangree ed il nostro Nocco coinvolti.

Al secondo giro, Sofuoglu è in testa con il team Puccetti, davanti a Cluzel e van der Mark. Nel frattempo, Massimo Roccoli è sotto investigazione per esser rientrato contromano con la proprio moto anche se non in sella. Un peccato per l'italiano.

Finisce presto anche l'avventura di Lucas Mahias, con la moto che finisce sui materassi dopo un high-side.

Al quarto giro Lorenzo Zanetti continua nel suo recupero: l'italiano passa alla curva due Florian Marino, ma subito dopo all'Adelaide il francese si riprende la quinta piazza.

Se Sofuoglu quindi, procede spedito ed indisturbato, dietro Cluzel e Van der Mark cercano di recuperare, mentre Zanetti è in piena lotta con Marino. Gara conclusa anche per Alex Baldolini, volato con la moto del team Lorini senza conseguenze.

Ci troviamo solamente al quinto giro ma Sofuoglu girà 2.3 secondi meglio di Cluzel e Van der Mark. La moto del turco salta sui cordoli mostrando estrema morbidezza e facilità nella guida.

Ci troviamo al settimo passaggio e al curvone Jack Kennedy perde il posteriore e vola via. Scivolata anche per Michael van der Mark al tornantino Adelaide. Ad eccezione di Kenan Sofuoglu, il cui unico problema è rappresentato dall'appannamento della visiera che continua ad aprire e chiudere, che gira due secondi e oltre meglio, per gli altri è una questione di "sicurezza" nel rimanere in piedi. Lotta aperta tra Rolfo, Van der Mark, Tamburini e Zanetti per la quinta piazza. Questo è l'unico momento agonistico in pista quando son passati 8 giri.

Colpo di scena al nono passaggio: Kenan Sofuoglu al tornantino Adelaide va in terra. Non è una scivolata semplice come accaduto a tanti: la moto capotta: fine delle ostilità per il turco. Numero da circo anche per Marconi che riesce a rimanere in piedi sulla moto. Oramai mancano otto tornate al termine, e la prima posizione è appannaggio di Jules Cluzel.

Spaventoso Van der Mark che, nonostante una scivolata è di nuovo secondo. Terzo per ora Marino, davanti a Rolfo, Zanetti e Tamburini. Cinque giri al termine, e Rolfo si porta in terza posizione davanti a Zanetti e Marino. Cluzel continua fino alla...bandiera rossa! Si è sgonfiato un airfence e quindi le condizioni di sicurezza non persistono più. La MV Agusta vince con Jules Cluzel davanti a Michael Van der Mark. Terzo posto per Roberto Rolfo davanti a Lorenzo Zanetti.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti