Tu sei qui

Yamaha svela un teaser della nuova R1!

INTERMOT COLONIA - Development Level Z: Iwata promette un progetto innovativo. La vedremo ad Eicma

Iscriviti al nostro canale YouTube

A storm is comin', mister Wayne. Non potevamo che citare il Cavaliere Oscuro per il trailer che Yamaha ha appena rilasciato direttamente dal Salone Intermot di Colonia. Già, perchè il comunicato arrivato inizia con un sibillino "c'è una rivoluzione in arrivo". Quella rivoluzione si chiama Yamaha R1 (salvo clamorosi quanto improbabili cambi di nome), la Supersporiva di Iwata che verrà svelata ufficialmente il prossimo 3 novembre in occasione del Salone Internazione di Milano Eicma.

Un progetto che in molti, tra appassionati e non, attendevano da tempo, e che sarebbe dovuto uscire già lo scorso anno. Evidentemente però in Yamaha hanno puntato a sviluppare al meglio la prossima Supersportiva, dopo l'ultima declinazione nata nel 2009, che aveva intrapreso strade uniche, originali, innovative, ma che di serie era improntata anche ad un certo compromesso verso un utilizzo stradale.

Una tempesta, una rivoluzione in arrivo che porta un nome: Development Level Z, nome in codice per mostrare come, per tale progetto, sia stato creato un gruppo apposito e "si sia creato un nuovo livello di sviluppo" secondo quanto riportato dalla casa Madre. In realtà, tra le mani non abbiamo molto, ma solo un video teaser dal titolo "episode.01", che presuppone un'altra campagna di marketing virale.

Al netto quindi delle dichiarazioni della casa, è indubbio come questa nuova R1 sembrerebbe senza compromessi. Grande sarà evidentemente l'impiego di elettronica, e molto probabilmente la rivoluzione sarà in termini qualitativi più che quantitativi. Il video mostra alcuni indizi su questa supersportiva, alcuni poco rilevanti ma comunque emotivi, come i primi bozzetti con una moto decisamente puntata sull'anteriore, altri più significativi come la piastra superiore di sterzo.

Si scorge inoltre quella che dovrebbe essere una presa d'aria dinamica piuttosto evidente sotto la zona dl faro, un codino decisamente piccolo e slanciato e, ipotizziamo, dei fari a LED.

Altre informazioni possono essere ricondotte a indizi, ipotesi e disquisizioni. Quel che sappiamo dalle nostre fonti è che la prossima 4 cilindri - perchè di quattro si tratterrà - ha avuto una lunga gestazione ed un lungo affinamento grazie anche alle sapienti cure di un tecnico che negli ultimi anni ha vinto dei campionati con Iwata. Di più non possiamo dirvi. Anche perchè, l'attesa questa volta sarà breve: il 3 novembre è vicino...la tempesta, la rivoluzione si sta avvicinando.

 

 


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti