Tu sei qui

BMW affila le armi con la nuova S1000RR 2015

INTERMOT COLONIA - Carenatura affinata, potenza aumentata a 199 cavalli ed incrementata la Coppia

BMW affila le armi con la nuova S1000RR 2015

Cosa c'entra Jerez de la Frontera con l'Intermot di Colonia? Facciamo un salto indietro. Siamo appena scesi dall'ultima Superbike che la casa tedesca ci ha fatto provare in Spagna (qui il test completo). Dopo una doccia ed esserci rifocillati, i tecnici BMW Motorrad ci fanno entrare in un capannone, mettendo una patch sulle fotocamere dei nostri telefonini. In quel box, ecco svelataci la nuova S1000RR 2015. Un'anteprima che non potevamo divulgare, ma che oggi - finalmente - viene svelata in quel di Colonia.

Cosa distingue la nuova versione dall'ultimo modello? In BMW hanno puntato ad affinamento sostanziale di tutte le aree, cercando di migliorare in alcuni punti strategici. Ecco quindi un'erogazione della coppia ottimizzata ed una coppia massima di 113 Nm, ed una potenza massima che arriva a 199 cavalli. Modificata anche la zona inferiore del telaio, che ha comporato una riduzione del peso di 4 chilogrammi. Presente di serie anche il Race ABS. Analizziamo più a fondo le migliorie dell'arma da Superbike dell'Elica:

MOTORE OTTIMIZZATO - l'affinamento a livello propulsivo si è riversato sulla testata dei cilindri rivista, e dotata ora di una nuova geometria dei condotti. di un nuovo albero a camme e di valvole di aspirazione alleggerite. Anche l'air-box ha visto una ottimizzazione del volume. L'abbinamento con il sistema di aspirazione con i cornetti accorciati, hanno permesso anche una preparazione della miscela più efficente. Ad ottimizzare le prestazioni ci pensa anche il nuovo impianto di scarico, alleggerito di 3 chilogrammi. Interventi che, come detto, permettono un aumento del valore di coppia, ora a partire da 5000 giri/min, ma sopratutto, da una maggior linearità del suo andamento, caratteristica già marcata della Superbike teutonica, divenuta una dei punti di riferimento per la sua "erogazione elettrica". Aumenta il range di coppia massima, richiamabile da circa 9500 giri/min (a 112 Nm) fino a circa 12.000 giri/min (con 113 Nm).

TELAIO E GEOMETRIA MODIFICATE - Se l'architettura del telaio rimane ovviametne invariata, con un doppia trave in alluminio, con quattro elementi fucinati e saldati, la zona centrale è stata ridisegnata, coadiuvata con un telaietto posteriore più leggero. Modifche anche per l'angolo del canotto di sterzo, che aumenta di 0,5 gradi per arrivare a quota 66,5 gradi. In questo modo, è stato ridotto di 6 mm lo sfilamento dei foderi della forcella dalla piastra superiore.  Conseguentemente ecco che l'avancorsa passa a 96,5 mm. Abbassato di 3 millimetri invece il pivot del forcellone posteriore, mentre il passo è stato allungato di 8, arrivando a quota 1425 mm.

Capitolo sospensioni: la fase di estensione è rimasta immutata, mentre quella di compressione è aumentata, con un'escursione totale dell'asse posteriore di 120mm. All'anteriore, squadra che vince non si cambia, ed ecco quindi confermata la forcella rovesciata da 46mm con inserti a cartuccia ed un'escursione totale di 120mm.

Ovviamente, parlare di sospensioni con BMW, significa introdurre il discorso sul sistema DDC, il Dynamic Damping Control - introdotto sulla HP4 nel lontano 2012 - ed ulteriormente perfezionato in questa nuova S1000RR 2015. Ottimizzazione anche per il Race ABS semintegrale ora in grado di entrare in azione anche a moto piegata, con un impianto frenante dotato di doppio disco flottante da 320mm con pinze radiali a 4 pistoncini, ed al posteriore un disco da 220 mm con pinza flottante a pistone unico.

Ovviamente confermato il cambio elettro assistito HP Pro, funzionante anche in scalata nei principali range di utilizzo, senza dover attivare la frizione. Un sistema che avevamo riscontrato nella Superbike di Marco Melandri provata nel 2013.

Ma le novità non finiscono qui: in Modalità di guida Pro, ecco l'introduzione del Launch Control, ed il Pit-Lane-Limiter a configurazione libera: un cruise control sui generis. Affinato infine anche il DTC, il Dynamic Traction Control, con regolazione su sette livelli.

DESIGN AFFINATO E MATURATO - A livello di stile e design, quello che si può notare, oltre alle nuove colorazioni ( blackstorm metallizzato, racingred pastello e BMW motorsport), sono sicuramente gli affinamenti che hanno reso più matura la BMW S1000RR. Se la versione nata nel 2012 aveva, tanto per fare un esempio, dei deflettori, delle piccole alette poste sotto il cupolino, per convogliare al meglio l'aria, ora è la carena stessa che ha inglobato tali deflettori in un unicuum. Modificata anche la forma del cupolino stesso, con una sorta di "livellamento" verso la punta: una soluzione che fu introdotta, in epoca Motogp, dalle prime Suzuki.

Cambiata anche la conformazione della presa d'aria posta proprio sul cupolino. Invariati invece gli "occhi" di questa S1000RR: il fascino asimmetrico "alieno" continua la sua invasione nel mondo delle supersportive. Per sapere come andrà questa Superbike teutonica dovremo comunque attendere poco: GPOne infatti si recherà prossimamente in Spagna per il test dinamico di questa nuova arma della casa dell'Elica.

BMW S 1000 RR 2015 IN PILLOLE:

aumento della coppia e della potenza: 146 kW (199 CV) a 13.500 g/min e 113 Nm a 10.500 g/min.

Maggiore guidabilità grazie all’aumento della coppia a partire da circa  5.000 g/min e andamento ancora più lineare. Coppia massima disponibile in un ampio campo da circa 9.500 fino a 12.000 g/min.

Testata cilindri rivisitata con nuova geometria dei condotti, nuovo albero a camme lato aspirazione e valvole di aspirazione nuovamente alleggerite.

Nuovo sistema di aspirazione con condotti di aspirazione accorciati, air box più grande e full e-gas.

Riduzione del peso di 4 chilogrammi a 204 kg in ordine di marcia (senza equipaggiamenti).

Nuovo impianto di scarico, alleggerito di circa tre chilogrammi senza pre-silenziatore.

Modalità “Rain”, “Sport” e “Race” di serie e come optional “Modalità Pro” con le due impostazioni supplementari “Slick“ e “User“ (personalizzabili) per un adattamento ottimale alle condizioni di utilizzo.

Launch Control per partenze perfette come optional nell’ambito di “Modalità Pro“.

Nell’ambito dell’optional “Modalità Pro”, Pit-Lane-Limiter per rispettare con precisione la velocità nella corsia dei box.

Nuova architettura del telaio, più leggera, con interazione ottimizzata tra rigidità e flessibilità, per una maggiore trazione, precisione e un feedback ancora più diretto.

Geometria della ciclistica perfezionata per un handling migliore, una maggiore trazione e un feedback diretto e trasparente nel campo limite.

Ammortizzatori completamente regolabili con escursione negativa ottimizzata per aumentare l’agilità e la libertà in posizione inclinata.

Controllo della trazione ottimizzato Dynamic Damping Control DDC, noto dalla BMW HP4, disponibile come optional.

Race ABS dalla taratura ottimizzata.

Controllo della trazione DTC con regolazione di precisione di +/-7 livelli.

Cambio elettro assistito HP Pro per cambiate veloci senza frizione, disponibile come optional.

Nuova rete di bordo con scatola sensori più potente e batteria più leggera.

Regolazione elettronica della velocità disponibile come optional.

Strumentazione combinata più potente dalle funzionalità ampliate e numerose informazioni per il pilota.

Carrozzeria completamente nuova dal linguaggio formale ancora più dinamico.

Innovativo concetto cromatico con tre caratteri individuali.

Ampliamento della gamma di accessori originali e degli optional.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti