Tu sei qui

Moto2, Viñales profeta in patria

Secondo successo stagionale per lo spagnolo davanti a Rabat e Zarco, 5° Franco Morbidelli

Il classico weekend da incorniciare. Maverick Viñales mette la propria firma sul Gran Premio di Aragon, grazie a una vittoria tutta cuore, grinta e determinazione. Forte della pole conquistata il sabato, lo spagnolo è riuscito a contenere gli attacchi di Rabat, andando in fuga a metà gara e portando a casa il secondo successo stagionale, davanti al connazionale.

Viñales sorride, così come Tito Rabat, sempre più leader del mondiale. A colorare il podio di Aragon, Johann Zarco, terzo al termine di un entusiasmante testa a testa con Luthi. A tenere alta la bandiera italiana in terra iberica è stato ancora una volta Franco Morbidelli. Un quinto posto che conferma sempre più la crescita del pilota Italtrans, tanto da riuscire a mettere alle proprie spalle Aegerter e Kallio. Il pilota capitolino spiega così la propria prestazione: “Nei primi giri non me la sentivo di rischiare – sottolinea Morbidelli - in seguito ho capito quelle che erano le condizioni della pista e ho iniziato a spingere. Nel finale sapevo di avere un buon passo e, proprio per quello, sono riuscito ad infilare sia Kallio che Aegerter. Sono molto contento - conclude - perché è un risultato che dà grande fiducia in vista delle prossime gare".

LA CRONACA – Allo spegnimento dei semafori , Viñales deve subito fare i conti con la partenza super di Mika Kallio. Come a Misano, il finlandese conquista la prima posizione ai danni dello spagnolo, mentre il compagno di squadra Rabat sopravanza Franco Morbidelli, superato a sua volta anche da Aegerter. Sfortunato Folger, costretto ad un ride through per partenza anticipata.

Dopo soli due giri, Kallio e Viñales provano a scappare, portando ad un secondo il distacco su Rabat, che nel frattempo si è sbarazzato di Zarco. Il francese sembra essere in difficoltà, tanto che Aegerter e Morbidelli riescono a sopravanzarlo e farlo retrocedere in sesta posizione. Nelle retrovie contatto tra Simeon e West, con entrambi i piloti che finiscono a terra.

Davanti Viñales riesce a riprendersi il primo posto su Kallio. La lotta tra lo spagnolo e il finlandese favorisce il recupero di Rabat, che annulla il gap. A quattordici tornate dal termine il leader del mondiale rompe gli indugi, infilando il compagno di squadra grazie ad un sorpasso di forza. La lotta per la seconda posizione avvantaggia però l’iridato della Moto3, che scappa.

La Kalex dello spagnolo, infatti, porta a oltre due secondi il gap sul gruppo degli inseguitori, capitanato da Zarco, il quale è riuscito ha superare Rabat ed Agerter. In difficoltà Kallio, costretto a cedere la quinta posizione a Franco Morbidelli. Più staccati gli altri italiani, con Russo 18°, Pasini 22° e Baldassarri 25°.

Quando mancano dieci giri al termine, Maverick Viñales può contare due secondi e mezzo di vantaggio su Rabat. L’alfiere del team Marc VDS, dopo essersi sbarazzato di Zarco, gira sull’1’54” basso, in linea con i tempi del connazionale. Rabat prova a recuperare, così come Luthi, che infila prima Morbidelli e poi Kallio. Lo svizzero sigla tempi record in ogni settore, che gli permettono di avere la meglio su Aegerter, tanto da portarlo a ridosso del podio.

L’attacco a Zarco giunge quando mancano tre tornate alla bandiera a scacchi, ma il francese non esita a rispondere, riprendendosi la propria pozione. Intanto Morbidelli infila Kallio. Nelle posizioni di testa Viñales va in fuga verso la vittoria, mentre Rabat deve accontentarsi della seconda piazza. La lotta per l’ultimo gradino del podio si conclude a favore di Zarco, che riesce a resistere agli attacchi dello svizzero. Straordinario anche Franco Morbidelli, quinto dopo aver scavalcato Aegerter. Più indietro gli altri italiani, con Russo 21°, Pasini 24° e Baldassarri 25°.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti