Tu sei qui

MotoGP, Forward-Yamaha ha Loris Baz nel mirino

Il francese ad Aragon. Cuzari: "continuero con il telaio giapponese anche nel 2015"

Il team Forward deve ancora ufficializzare il secondo pilota per la prossima stagione mentre è già sicuro che continuerà la sua collaborazione con Yamaha. In questa stagione è stato portato in pista, oltre a quello fornito da Iwata, anche un telaio realizzato internamente. Nelle intenzioni avrebbe dovuto essere la scelta per il 2015, ma le cose andranno diversamente come avevamo scritto.

Cuzari dovrà decidere chi affiancare a Bradl il prossimo anno. Le opzioni sono ristrette a due nomi: “non è una scelta facile, ci piacerebbe dare una possibilità ad Alex De Angelis, perché abbiamo molti sponsor italiani ma stiamo anche guardando a un pilota francese”. Cioè a Loris Baz che, guarda caso, è presente nel paddock di Aragon. La firma non è ancora stata messa sul contratto ma la percentuale che questo accada è molto alta e le sue azioni sono in vantaggio su quelle del sammarinese.

Per quanto riguarda le questioni tecniche: “continueremo con il telaio Yamaha, anche se non so ancora se ci forniranno materiale 2014 o 2015 –le parole del patron Giovanni Cuzari – Poi continueremo a sviluppare la nostra ciclistica parallelamente. So che è impossibile migliorare quella fornitaci ma faremo alcuni test per capire cosa potremmo fare”.

Insomma, Yamaha lo scorso anno aveva dichiarato di fornire solo i propri motori in leasing, poi aveva detto che avrebbe dato la moto completa solo per aiutare la squadra a causa dei tempi stretti. L’eccezione è poi diventata la regola, un modo per piazzare altre due moto sotto il cappello Open ma che alla fine dei conti non sono altro che i modelli Factory dell’anno precedente. Una strada, del resto, che è stata costretta a seguire in qualche modo anche la Honda, con gli aggiornamenti al motore. E le dichiarazioni di Ezpeleta di una nuova formula che avrebbe permesso ai team di acquistare le moto per potere ritornare degli investimenti col tempo sono rimaste solo vuote parole.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti