Tu sei qui

Kawasaki Ninja H2: aerodinamica da F1

Un nuovo video per la futura bomba di Akashi mostra altre novità interessanti

Iscriviti al nostro canale YouTube

In Kawasaki, è risaputo, sanno il fatto loro anche in campo aerospaziale; ecco perchè per la nuova Ninja H2, l'ormai nota moto sovralimentata e pronta al debutto il 30 settembre all'Intermot, non ci si deve stupire più di tanto per soluzioni così estreme.

I mezzi di Akashi, storicamente, hanno sempre mostrato aerodinamiche molto curate ed efficaci. Spesso però le soluzioni adottate magari in gara, tanto ardite quanto valide (ricordate la loro prima ZX-RR MotoGP?), mal si conciliavano alle moto di serie, quanto meno per un discorso puramante estetico.

Stavolta però, ci si è orientati nel cercare il massimo risultato dedicando cure particolari sul piano dell'estetica, come evidenziato da superfici che strizzano l'occhio anche al design oltre che a garantirne funzionalità.

Le "ali" del vento - A guardare le ultime immagini lanciate in rete, si rimane colpiti dallo studio attento nella realizzazione di supporti aerodinamici degni di una vettura di F1. Se già dal primo video si intravedevano le fattezze di quella che si mostra ora come un'ala posta sul frontale della moto, adesso sbucano nuove appendici volte a regolare l'andamento dei flussi d'aria su tutta la superfice del mezzo favorendo anche il comfort del pilota, oltre a svolgere una funzione deportante sulla carrozzeria.

I due spoiler sui fianchetti laterali segnano quanto già visto in passato in MotoGp (vedi Ducati Desmosedici Gp10), e la curata forma degli specchietti retrovisori ci fa capire che in Kawasaki nulla è stato lasciato al caso, è lo dimostra il lavoro riposto oltre che sulle soluzioni motoristiche, anche sull'efficenza globale aerodinamica della macchina. La nuova Ninja, a questo punto sembra lanciare un deciso guanto di sfida alle superprestazioni e alla tecnologia applicata ad una moto di serie.

Telaio a struttura mista - Motore sovralimentato e aerodinamica da F1, cos'altro ancora dobbiamo attenderci da questa moto che ad oggi ha mostrato di essere affatto scontata? Nel video si intravedono le fattezze di ciò che sembra assomigliare tanto ad un tubolare che sbuca da vicino il piano della sella; il che ci parla probabilmente di un telaio a struttura mista di tubi agganciati a piastre fuse in corrispondenza del perno del forcellone. Altro non ci è dato scoprire. Ma restano ormai pochi giorni al 30 settembre e poter ammirare finalmente le forme di una realizzazione che ha già mostrato di avere tutte le carte in regola per far molto parlare di sè.

 

 




Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti