Tu sei qui

Miller in MotoGP: parlano Jack e i piloti

Jack: "ho avuto un'opportunità e ho voluto prenderla. Ho molti punti interrogativi ma farò esperienza"

Il protagonista della classica conferenza stampa del giovedì è stato Jack Miller, fresco dell’annuncio del suo passaggio in MotoGP sulla Honda Open di LCR. Un salto che non si vedeva da tempo – McCoy e Chili furono precursori – e che ha catturato l’attenzione tanto dei giornalisti che degli altri piloti. I colleghi della classe regina hanno espresso il loro parere.

Ad iniziare da Valentino Rossi: “gli consiglio di prendersi il giusto tempo. È facile dire che non si ha fretta, ma quando si è in pista le cose cambiano, si vuole stare davanti. Lo aspetta un salto molto grande, Jack ha coraggio, ma gli ho parlato ed è convinto della sua scelta, la cosa più importante. Dovrà stare calmo ed essere intelligente, per poi puntare ai risultati nella seconda parte della stagione”.

Marc Marquez ha espresso qualche dubbio: “sarà interessante vederlo nei test di Valencia, il salto è grande. Quando ero in 125 non mi sentivo pronto a una scelta del genere ma forse per lui è diverso. Vedremo cosa succederà”.

Dani Pedrosa ha aggiunto: “la potenza di una MotoGP è molto maggiore, gli servirà tempo per adattarsi anche al peso e alle gomme. Ma penso potrà fare una bella stagione”.

Un po’ spiazzato Andrea Iannone: “mi ha sorpreso questa scelta, il salto è grande e la Moto3 completamente diversa. Non so cosa dire, Jack è un pilota veloce e penso che col tempo sarà forte anche in MotoGP”.

Dopo tante opinioni, naturalmente è arrivato anche il momento per Miller di dire la sua. Non ha fatto proclami, ma ha analizzato la situazione con maturità e la consueta ironia.

Ho tanti punti interrogativi, ma mi si è presentata l’opportunità e ho voluto prenderla. So che fisicamente sarà dura da gestire e che mi aspetta un grande salto ma ho tempo e poi in fondo tutte le moto sono uguali, hanno due ruote e un motore”, ride.

Insomma, la Moto2 per lui è un gradino che può essere saltato senza sottovalutare la sfida che lo attende.

“Ognuno deve scegliere la propria strada. Il mio obiettivo è sempre stato la MotoGP e non ho voluto lasciarmi scappare questa possibilità. La Moto2 mi sarebbe servita per fare esperienza con una moto intermedia, ma vorrà dire che me la farò direttamente nella classe regina”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti