Tu sei qui

MotoGP, Rossi: la pioggia rafforza Ducati

"Possono sfruttare il vantaggio dei test. Oggi abbiamo fatto delle modifiche sbagliate"

Giornata bagnata ma non troppo fortunata quella di Rossi a Misano. Al termine dei turni di prove libere sul bagnato, la Yamaha numero 46 è solo decima a due secondi e mezzo dalla vetta. È stato un venerdì di esperimenti sulla M1, che però non hanno dato i risultati sperati. A condire il piatto indigesto anche una caduta.

Non sei stato l’unico a finire a terra. Cosa è successo?

Questo asfalto con l’acqua non ha grip e poi bisogna aggiungere le basse temperature. Inoltre Bridgestone questa mattina ci ha fornito la mescola più dura per le gomme rain che hanno causato grossi problemi, sia in frenata che in inserimento. Con la morbida, al pomeriggio, la situazione è migliorata”.

I tuoi tempi però sono stati alti.

Non sono soddisfatto, abbiamo un assetto standard per il bagnato ma volevamo migliorarlo, soprattutto per avere maggiore trazione. Abbiamo fatto delle modifiche, ma non hanno funzionato, soprattutto non riuscivo a entrare veloce in curva”.

Per quale motivo sei caduto?

“Per la gomma dura e le temperature dell’asfalto sotto ai 20°. Lo pneumatico non riusciva a lavorare, sono finito a terra a moto dritta”.

Il circuito è al limite della praticabilità? Potrebbe succedere uno sciopero dei piloti in caso di gara bagnata come successo nel 1989?

Non siamo ai quei livelli, anche se il grip dell’asfalto è basso e bisognerà risolvere la situazione per i prossimi anni. Il problema più grande è nel caso di pioggia intensa perché si formano delle pozzanghere e la cosa più pericolosa è l’acquaplaning. Ma succede anche in altri circuiti”.

Questa è stata una giornata buttata o si possono ricavare delle informazioni utili?

Se anche domani mattina piovesse, allora sarebbe molto difficile ma la situazione è la stessa per tutti. Bisogna analizzare bene i dati per cercare di avere delle indicazioni utili per l’asciutto”.

La pioggia fa invece il gioco della Ducati.

Per loro, più piove e meglio è, avendo fatto dei test poche settimane fa. Certamente partiranno più avanti di noi per la messa a punto sull’asciutto e ogni turno bagnato li rafforza. Credo che Dovizioso domenica potrà giocarsi il podio”.

Oggi Aprilia ha annunciato il suo rientro in MotoGP, cosa ne pensi?

Sono contento, sono cresciuto con loro e mi hanno dato tanto. È bello anche per il nostro mondo quando entra una nuova Casa. Il loro è un progetto interessante, a lungo termine, è quello di Gresini è un team abituato a stare nelle posizioni di testa”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti