Tu sei qui

MotoGP, Gresini: il momento giusto per cambiare

"Sto realizzando un nuovo sogno che stravolgerà ogni cosa. Sono pronto a soffrire ma anche a gioire"

Diciotto anni non si cancellano con un colpo di spugna ma oggi è iniziata ufficialmente la nuova vita di Fausto Gresini. La Honda lascerà il suo box a fine stagione e vi entrerà l’Aprilia. Una nuova sfida, riportare la Casa veneta nella classe regina e combattere contro i colossi giapponesi. Sulla carta è una sfida da fare tremare le gambe, eppure il team manager ha il sorriso sulle labbra.

Fausto, come stai vivendo questa giornata?

Mi rendo conto che è uno stravolgimento, una scelta che porterà con sé grandi cambiamenti. È una scelta che mi farà cambiare ma allo stesso tempo mi permetterà di esprimermi oltre a quello che ho fatto fin qui”.

Quanto ci hai pensato?

Non lo nego, ho riflettuto molto ma non ho avuto dubbi. Ho sempre avuto dei sogni nel cassetto, da ragazzo quello di correre, poi di vincere una gara, poi il titolo. Ci sono sempre delle tappe da raggiungere nella vita e credo che il traguardo di ogni team manager di una squadra privata sia quello di diventare l’emanazione di una Casa”.

Hai chiuso una porta alla tue spalle.

Quei diciotto anni mi sono ripassati davanti, tutto quello che ho fatto. Honda è stata importante per me, mi ha dato una grande opportunità ma era giunto il momento per avere nuovi stimoli”.

Cosa ti ha convinto a legarti ad Aprilia?

Stiamo parlando di un’azienda blasonata e per di più italiana, questo è stato un aspetto molto importante. Direi che è un onore per me”.

Nella stagione di rientro ci sarà da soffrire, sei pronto?

Quando si affronta una nuova avventura bisogna essere pronti a tutto, a soffrire ma anche a gioire. Penso che sarò un’esperienza che farà crescere tutti”.

Quali sono gli obiettivi?

Per ora provare la moto, bisognerà aspettare i test di Valencia. Poi vedremo”.

Come cambierà la squadra nella sua struttura?

Sarà una collaborazione, la base rimarrà quella attuale, altrimenti Aprilia avrebbe scelto di entrare con una propria squadra. Arriveranno anche degli uomini da Noale, questo è chiaro”.

Per i piloti si fa da tempo il nome di Bautista e Melandri. Chi li sceglierà?

Sarà una scelta condivisa, ma non è ancora il momento di fare nomi. Meglio non dare tutte le notizie allo stesso tempo (ride). Ci sarà tempo per rifinire ogni dettaglio”.

Per quanto riguarda la Moto3, Bastianini è già riconfermato per il prossimo anno?

Enea è il fulcro del nostro programma in quella classe, tutto il progetto è legato a lui”.

Che moto guiderà, si vocifera Honda?

“Veramente? Potreste avere qualche sorpresa…

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti