Tu sei qui

MotoGP, Dovi: rivincita con Rossi? si deve sognare

"Arrivo carico da Silverstone, ma stare davanti sarà dura". Iannone: "esame sulle ultime modifiche"

Il primo podio Andrea Dovizioso a Misano l’ha già ottenuto, alla Spurtleda. “E’ stata una gara particolare, molto spettacolare. Mi sono divertito molto, almeno fino all’ultima curva – ride, ricordando il momento in cui Rossi lo ha sportellato andando a prendersi la vittoria – Valentino mi ha spinto un po’ ma va bene così”. Una riedizione del duello di Silverstone.

Magari la rivincita ci sarà nel GP.

Arrivo qui molto carico, dopo i buoni test e la gara in Inghilterra ma stare con i primi quattro sarà molto difficile. Tutti guidano moto competitive e sono in un ottimo momento di forma, oltre a essere particolarmente veloci su questo tracciato. Uno dei motivi per cui sono riuscito a rimanere con Rossi e Pedrosa a Silverstone è che loro non sono riusciti a sfruttare tutto il loto potenziale”.

Ti dai per vinto?

Non, stare con loro è un sogno ma si deve sognare. Realisticamente, però, l’obiettivo è sempre quello di ridurre il gap, confermare i progressi dello scorso GP. Sarebbe già un ottimo risultato”.

Siete freschi di test qui.

Saranno un vantaggio, non lo nego, perché non è passato troppo tempo. Se poi dovesse piovere domani, lo sarebbero ancora di più (ride). Certamente ci permetteranno di partire bene, in quell’occasione ho girato bene, 1’33”5 il mio giro più veloce e 33”9 di passo. La pista era in buone condizioni, vedremo con temperature più basse”.

Andrea IannoneDiversa invece l’opinione di Iannone, che sta mettendo in discussione proprio i risultati raggiunti in quei test. A Silverstone l’assetto trovato a Misano non ha dato i risultati sperati e i tecnici Ducati stanno cercando di capire quali strada seguire. “Sono stato a Borgo Panigale ieri, per parlarne”, rivela.

Qual è la situazione.

Con quelle modifiche la moto si comporta meglio nell’ingresso in curva senza freni, ma è peggiorata in staccata. Non riesco più a fermarla e essere incisivo nella prima fase di inserimento come prima. Bisogna verificare meglio la situazione, anche perché non sono soddisfatto di come abbiamo lavorato a Silverstone”.

Cosa intendi?

Abbiamo fatto confusione nel box, anche a causa dei problemi tecnici che mi hanno impedito di usare la ‘prima’ moto. Così abbiamo fatto delle modifiche su quella che in teoria non avremmo dovuto usare. So che possiamo fare di meglio”.

Qual è il piano ora?

Essere più calmi e ragionare. Conviene fare un piccolo passo indietro e capire se quelle novità sia veramente un miglioramento o no. Spero che i dati dei test ci diano un piccolo vantaggio. Questa è la gara di casa per la Ducati, l’atmosfera è magica”.

Hai già deciso la squadra per il prossimo anno?

Non ancora, non so chi sarà il mio capotecnico. Volevo portare degli elementi da Pramac, perché mi sono trovato bene in questi due anni, ma poi ho capito che è meglio non cambiare certi equilibri”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti