Tu sei qui

SBK, FP1: Melandri di un soffio su Sykes

FP1: il ravennate in testa per 45 millesimi. Terzo tempo per Davies, poi Elias, Baz e Guintoli

Un testa a testa a distanza tra Marco Melandri e Tom Sykes ha contraddistinto la prima sessione di prove libere della Superbike a Jerez. Vuoi per la “ruggine” da togliere dopo la lunga pausa estiva, o per le temperature già alte dell’asfalto (nelle ore più calde si superano abbondantemente i 60 gradi), ma i tempi restano ancora alti (1'40.6 il record della Superpole 2013). A comandare la classifica c’è comunque il ravennate su Aprilia, autore di un 1’42.768.

Melandri è sceso sotto il muro di 1’43 in una sola occasione, marcando un passo di 1’43 basso e facendo la differenza nell’ultimo settore, molto scorrevole ad eccezione della staccata del tornantino finale.

Sykes, dal rendimento più costante tra i vari intertempi (è secondo in ogni parziale) è a soli 45 millesimi dal pilota Aprilia. Sul passo, tuttavia, sembra avere un leggero vantaggio con tre giri in 1’42 ed 1’43 netto di media sul giro. Cosa più importante per il britannico, il distacco inflitto ai suoi diretti inseguitori in classifica: Sylvain Guintoli è attualmente sesto (+0.406) a soli 3 millesimi dal connazionale Loris Baz. Più attardato Jonathan Rea, leggermente in difficoltà con temperature alte, nono a +0.675.

Al terzo posto si è quindi inserito Chaz Davies (+0.148), ultimo in grado di scendere sotto a 1’43 (in due occasioni) in queste prime battute prima di chiudere anzitempo il turno a causa di un’innocua scivolata alla prima curva. Per trovare l’altra Panigale “ufficiale” in classifica bisogna scendere fino alla settima posizione, ma Davide Giugliano è a soli due decimi (+0.424) dal compagno di squadra.

Quarto tempo per il pilota di casa Toni Elias sulla Aprilia “clienti”, mentre la coppia Suzuki composta da Eugene Laverty ed Alex Lowes staziona ai margini della Top 10, rispettivamente in ottava (+0.631) ed undicesima posizione (+0.950). Sylvain Barrier comanda la classifica EVO al dodicesimo posto su BMW (+1.575) davanti a David Salom e Niccolò Canepa. I tre sono separati da meno di un decimo. Diciasettesimo tempo per Claudio Corti, ventiduesimo per il rientrante Luca Scassa.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti