Tu sei qui

Moto3, "Il calo di Fenati? La causa è tecnica"

Parla VittorianoGuareschi: "problemi in momenti decisivi ma il clima è buono e il campionato aperto"

Cosa sta succedendo a Fenati? Sono in molti a chiederselo perché, dopo un ottimo avvio di stagione, Romano sta incontrando più difficoltà del previsto. Se fino a poche settimane fa era un candidato per il mondiale, ora l’ascolano è scivolato al quinto posto in classifica, staccato di 44 punti dalla vetta. “Sembra non crederci più”, ha osservato Valentino Rossi. “E’ vero, in queste ultime gare Romano è stato un po’ meno aggressivo e convinto”, conferma Guareschi, suo team manager.

Cosa sta accadendo, Vittoriano?

Ci sono stati tanti problemi tecnici che ci hanno limitato. È normale che influenzino il pilota, soprattutto quando capitano in momenti decisivi del weekend di gara. Per esempio a Brno è successo nel warm up. Romano ne ha risentito”.

Si dice che i motori non potrebbe bastarvi, che sarete costretti a partire dai box prima della fine della stagione.

La situazione non è semplice, ma non è ancora detto. Sta a noi gestirla nel migliore dei modi. Non nego che questa possibilità esista ma abbiamo anche i mezzi perché non accada. I motori ci arrivano da KTM, noi possiamo intervenire su mappature, carburazione e rapportatura per sfruttarli al meglio e salvaguardarli. Ce la possiamo fare”.

Invece Bagnaia non ha avuto questi problemi?

No, lui è in linea coi piani. Forse per Romano c’è stata un po’ di sfortuna”.

C’è chi afferma che i rapporti fra Fenati e il capotecnico Brazzi non siano più idilliaci.

Se litigano, lo fanno al telefono o di nascosto (ride). Il clima ai box è ottimo. Ripeto, son stati gli inconvenienti tecnici a destabilizzarci, sia per quanto riguarda la squadra che il pilota. Il team funziona bene anche se è nato da poco, le tre vittorie nella prima metà della stagione lo dimostrano”.

Il titolo è ormai definitivamente compromesso?

Non direi proprio, nelle ultime cinque gare hanno vinto cinque piloti diversi e Miller sta giocando in difesa. Inoltre ci sono sempre diversi piloti che si inseriscono nella lotta per il podio. Non c’è ancora nulla di deciso”.

Per vincere è anche importante la posizione di partenza, Fenati sembra avere ancora qualche limite in qualifica.

Romano preferisce girare da solo, senza seguire nessuno, è un bene in assoluto ma un male in Moto3 dove la scia in rettilineo fa una grande differenza. A Silverstone però non è stata colpa sua, è dovuto stare ai box mentre i tecnici gli sistemavano la moto e quando è uscito non c’era nessuno da seguire”.

Un’altra voce dal paddock: Fenati per il prossimo anno vorrebbe una Honda.

L’ho sentita anch’io e mi sono stupito: non se ne è nemmeno mai parlato. Siamo contenti del rapporto con KTM, Romano è uno dei loro piloti di riferimento e infatti a Brno gli è arrivato un nuovo telaio, come a Miller”.

Quali sono i programmi per il prossimo anno?

Bagnaia rimarrà con noi, altre decisioni per il momento non ci sono. Romano ha sempre detto di volere vincere il mondiale in Moto3 prima di passare in Moto2 ma ora non sta pensando al suo futuro, è concentrato sul campionato in corso”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti