Tu sei qui

News Prodotto, Ecco la GSX-S 1000, la Naked di Hamamatsu

Prime foto di quella che sarà la nuova maxi-naked di Hamamatsu. La vedremo al prossimo Salone Intermot

Ecco la GSX-S 1000, la Naked di Hamamatsu

Che Suzuki, negli ultimi tempi, abbia deciso di rilanciarsi profondamente nel mondo delle due ruote è oramai cosa nota. La casa di Hamamatsu ha scelto diversi sentieri da percorrere per questa sua risalita generale, rivitalizzando il proprio parco moto sia con scelte autonome, cercando di distinguersi dalla concorrenza - leggasi Suzuki V-Strom, con la cubatura da un litro - sia cercando di andare ad insidiare le concorrenti sul loro stesso piano di battaglia.

In questo caso, la grande S ha deciso di entrare nel mondo delle Maxi Naked che stanno calamitando l'attenzione generale del palcoscenico motociclistico, proponendo - ancora non ufficialmente - la propria creatura, quella che dovrebbe chiamarsi GSX-S 1000.

Ma perchè quell'inciso vi starete chiedendo? Perchè "non ancora ufficialmente"? Le foto che vede sono delle foto-spia che ritraggono la moto in versione praticamente definitiva. Non era un segreto comunque che la casa volesse fare il suo approdo all'interno di questa fascia di mercato che negli anni ha visto l'approdo di BMW con la S1000R, KTM con la Superduke, Aprilia con la Tuono V4R, Ducati con il Monster 1200 S o Kawasaki con la nuova Z1000.

Moto che mostrano un certo grado di parentela con le sorelle da Superbike e da cui, per molti versi, derivano. Ecco quindi questa GSX-S 1000, fotografata da diverse angolazioni. Sicuramente, a prima vista non si può fare a meno di notare l'estetica, decisamente aggressiva, ma al contempo più elaborata rispetto alla sorella più piccola, la GSR 750. Si impone una nervatura in grado di avvolgere il radiatore, con dei fianchi estremamente elaborati. Il cupolino ricorda, per certi versi, quello della Honda CB1000R, con anche due piccoli led in basso, posti sotto il proiettore.

La moto comunque, dal punto di vista del design, sembrerebbe avere un carattere aggressivo, ma al contempo, un poco "appesantito" a scorgerlo di profilo. Il codone risulta molto semplice nelle linee, con una forte preponderanza a salire verso l'alto. Lo scarico di contro, si trova nella zona bassa come molte proprie consorelle e avversarie. Dal punto di vista tecnico, è chiaro come questo modello monti il propulsore della sorella supersportiva che tra i cordoli riesce ad erogare circa 180 cavalli.

E' indubbio come in questa versione naked sia stato trattato per avere una risposta più dolce e con più tiro ai medi, sacrificando un pò la potenza massima e l'allungo. Il telaio di contro, difficilmente sarà quello della sorellastra o, perlomeno, sarà sicuramente meno rigido, per ottemperare ai bisogni di viaggio e comfort.

Spicca sicuramente l'inclinazione della forcella, molto pronunciata, per offrire una maggior stabilità. Come per le sorelle, la protezione aerodinamica è nulla. Si nota infine anche l'impianto frenante Brembo, identico a quello montato sulla GSX-R1000.

Il guanto di sfida è stato lanciato da parte di Suzuki, decisa ad entrare prepotentemente nella battaglia delle Maxi-Naked. Potremo osservarla dal vivo al prossimo Salone di Colonia. Riuscirà questa nuda a dire la sua? Voi cosa ne pensate? Questa futura GSX-S 1000 farà breccia tra gli appassionati del marchio di Hamamatsu?

GALLERY GSX-S 1000

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti