Tu sei qui

News Prodotto, MT-09X: ecco la Crossover media di Yamaha

Da Iwata trapelano i rendering della futura Crosstourer crossplane. La vedremo a Colonia e all'Eicma

MT-09X: ecco la Crossover media di Yamaha

Non è la prima volta che una "gola profonda" fa trapelare immagini e rendering di un proprio modello futuro. Immagini, da ogni angolazione che scappano dall'ufficio di registrazione dei brevetti, e che si svelano alla mercè di appassionati e giornalisti.

Scelta voluta? Traditori in seno all'azienda? Quel che è certo è che vedere certe immagini non è più una sorpresa. Anzi, trattasi di involontaria seppur ottima campagna di comunicazione in grado di alimentare voci, ipotesi, elucubrazioni, sogni e desideri. Gli esperti lo chiamerebbero "marketing virale".

Era tanto che si parlava di una Crossover figlia della MT-09. D'altro canto, la filosofia crossplane del propulsore tre cilindri doveva avere numerosi sbocchi, che non potevano limitarsi alla sola MT-09. In attesa di vedere la prossima Yamaha R1, dall'ufficio per l'Armonizazzione nel Mercato Interno (OHIM) dell'Unoine Europea sono usciti i render, i disegni dell'erede del TDM, quella che ad oggi possiamo chiamare MT-09X.

Immagini ovviamente definite, figlie del CAD che mostrano una moto che riflette la parentela con la sorella naked, sopratutto in termini di telaio, ciclistica e ruote. Cambiano invero le sovrastrutture, ma per la natura di questa moto, anche se il "feeling" del dark side si riconosce, sopratutto nel codone.

Verticalizzazione delle linee: questo il credo, e non poteva essere altrimenti per una moto del genere. Chiaramente presente il manubrio con il paramani, Il serbatoio è più capiente, la sella è sdoppiata per pilota e passeggero con uno sbalzo piuttosto evidente, con un ovvio e conseguente allungamento del codone stesso, dotato di attacco per le valige.

Forte comunanza con la naked arriva dal faro posteriore. Carenatura scarna ai lati, dove si mostra predominante il radiatore, osservando il progetto di quinta. Il design Yamaha mostra il suo lato predominante nel frontale, con i due caratteristici proiettori, un cupolino spigoloso ed un plexiglass di proporsioni decisamente evidenti.

Questa crosstourer crossplane si svelerà con ogni probabilità ai prossimi saloni di Colonia ed Eicma.

Un'ulteriore passo di quella filosofia nata al Salone di Colonia 2012, quando fu svelato il propulsore tre cilindri di Iwata con albero a croce. Questa MT-09X non andrà a intaccare la clientela della XT1200 Super Tenerè, ma traccia ovviamente una strada differente per quanto concerne la casa giapponese, prettamente stradale, e probabilmente con un'erogazione che sarà in qualche modo addolcita, rispetto all'esuberante MT-09 che offre comunque 115 cavalli di potenza massima.

Impostazione ben più stradale, e con ogni probabilità, improntata sempre sul divertimento di medio raggio. Una moto che, ipotizziamo, potrà andare a confrontarsi con modelli e filosofie quale, ad esempio, l'Hyperstrada o, ancora di più, con la MV Agusta Turismo Veloce. Fino ad oggi, Iwata sembra aver trovato la ricetta vincente con il motore tre cilindri, con una naked pepata di media cilindrata. Riuscirà a coniugare il "dark side" con il turismo di medio chilometraggio? Non resta che attendere!

GALLERY MT-09X

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti