Tu sei qui

MotoGP, FP1: Rabat e la Kalex volano a Indy

Lo spagnolo firma il miglior tempo davanti allo svizzero Aegerter, 5° Simone Corsi

Riecco Tito Rabat. Dopo un Gran Premio di Germania sottotono, il pilota spagnolo torna dalle vacanze suonando la carica. E’ infatti suo il miglior riferimento nella prima sessione di prove libere del Gp di Indianapolis. Sul rinnovato tracciato americano, il portacolori della Kalex mette tutti in riga con il tempo di 1’38”060, quattro secondi meno rispetto al best lap di Pol Espargaro nel 2012. Una prova di forza quella di Rabat, che a pochi minuti dalla bandiera a scacchi si impone su Dominique Aegerter. Lo svizzero, che in terra americana punta a bissare il successo di un mese fa, è costretto quindi ad inseguire a soli quaranta millesimi di distacco dallo spagnolo.

Pista asciutta per questa prima sessione di FP1, dove i riflettori sono stati tutti puntati sul duello ravvicinato tra i due piloti, tanto che Sam Lowes (+0.446), autore del terzo tempo, accusa  già oltre quattro decimi di distacco. L’inglese della SpeedUp riesce a tenere alle proprie spalle Sandro Cortese (+0.598), mentre Simone Corsi (+0.618) si conferma ancora una volta migliore degli italiani. L’alfiere del Team Forward è infatti quinto, anche se soffre nella parte centrale della pista.

Nelle prime dieci posizioni anche Alex De Angelis (+0.775), che in America saluta la classe intermedia per tornare in quelle regina a Brno. Settimo tempo per il sanmarinese, preceduto da Anthony West (+0.651). Tra le sorprese delle prima sessione Lorenzo Baldassarri (+0.864), il quale porta la propria Suter al nono posto davanti alla Kalex di Mattia Pasini. Solo cinque sono i millesimi che separano i due italiani, con il portacolori del Team Forward chiamato a confrontarsi con qualche linea di febbre e con le gomme.

Prestazione in crescendo per Franco Morbidelli (15°, +1.086), arrembante nel riuscire a tenere dietro il campione in carica di Moto3, Maverick Viñales (+1.182).

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti