Tu sei qui

SBK, Test, Ducati pianifica l'ultimo assalto

Ancora quattro gare per regalare la 1ª vittoria alla Panigale. Giugliano: "Idee più precise"

Davide Giugliano e Chaz Davies hanno visitato nell'arco di una settimana due località turistiche famose come la Riviera Romagnola (per il WDW) e l'Algarve (due giorni di test SBK), ma solo ora sono pronti ad andare veramente in vacanza. In Portogallo, la coppia di piloti ufficiali Ducati ha lavorato su diverse aree per preparare al meglio l'ultimo terzo di stagione, dove l'obiettivo principale è quello di cogliere l'agognata vittoria.

Innanzitutto, la squadra ha provato nuove soluzioni portate da Pirelli sia per l'anteriore che per il posteriore, oltre a diverse regolazioni delle sospensioni ed una nuova taratura del sistema anti-impennamento per migliorare le partenze. In condizioni "critiche" della pista, con temperatura dell'asfalto che ha raggiunto i 60 gradi, i test hanno anche rappresentato una buona occasione per migliorare l'aderenza con il caldo, cosa che aveva rappresentato un problema, per esempio, a Sepang.

"Il test è stato positivo – ha dichiarato Giugliano – Volevo girare tanto con la moto e mi serviva ottimizzare gli automatismi e migliorare il metodo di lavoro, per concentrarci sulla guida con gomma usata. Posso dire che tutto questo lo abbiamo fatto bene. Abbiamo provato tante cose con riscontri positivi e ci siamo fatti un’idea ancora più precisa di cosa dobbiamo migliorare per le ultime gare, identificando alcuni aspetti che fino ad ora ci erano sfuggiti".

Per il romano, anche una serie di long-run dei quali si è detto "contento, siamo stati più veloci che in gara e considerando che le condizioni della pista erano veramente estreme, possiamo ritenerci soddisfatti".

Stoico Davies, ancora acciaccato dalla brutta caduta in Gara Uno a Laguna Seca. Il gallese ha comunque compiuto 87 giri, tanti quanti il leader Tom Sykes.

"Le sessioni qui a Portimao sono state molto utili, anche se non sono ancora al 100% dopo la caduta di Laguna – ha detto Davies – Abbiamo comunque lavorato molto, specialmente nel pomeriggio dove le condizioni erano difficili per il caldo, abbiamo raccolto tanti dati che saranno utili per prepararsi alla parte finale della stagione".

A fare il bilancio finale, come sempre, il responsabile del progetto SBK Ernesto Marinelli. "Questo test è stato importante prima della pausa estiva, per mettere a fuoco le attività prima del rientro di settembre – ha dichiarato – Ci siamo concentrati sui problemi identificati negli ultimi eventi ed abbiamo trovato informazioni e soluzioni che ci saranno sicuramente utili per le ultime gare che ci rimangono".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti