Tu sei qui

Moto2, Aegerter conquista il Sachsenring, 3° Corsi

Lo svizzero precede il finlandese Kallio, memorabile sesto posto per Morbidelli, ottavo Pasini

L’aveva predetto al termine delle qualifiche, Dominque Aegerter: “Domenica penso di poter vincere”. Alla fine lo svizzero ha avuto ragione. Primo successo in carriera per il pilota della Suter, che sul tracciato del Sachsenring regola in volata Mika Kallio. Lo svizzero e il finlandese hanno fatto gara a parte, lasciando il gruppo dopo poche tornate. All’ultimo giro l’attacco decisivo, che consegna ad Aegerter il primo storico trionfo: “Ovviamente sono felicissimo –spiega lo svizzero - oltre alla pole del sabato anche una bellissima vittoria. È stata una gara dura, perché Kallio era li vicino e non demordeva. Sono contento, penso di averlo meritato”.

Sul podio festeggia anche uno straordinario Simone Corsi, che all’ultima curva riesce a sopravanzare Tito Rabat. Una mezza rivincita per il pilota laziale, dopo la caduta di Assen quando era in testa: “Sono molto contento – afferma l’alfiere Forward - abbiamo fatto una grande gara. Nel primo settore perdevo tanto, ho fatto però di tutto per stare attaccato a Rabat ed attaccarlo nel finale, alla fine è andata bene”. Simone Corsi tiene alta la bandiera italiana in terra tedesca, così come Franco Morbidelli, autore di un sesto posto tutto cuore e grinta alle spalle di Viñales. Un risultato che sottolinea la crescita del pilota Italtrans: “Ce l’ho messa tutta – sottolinea il laziale – nel finale ero in difficoltà con l’anteriore, però  ho tenuto duro. Sono talmente felice che non mi rendo ancora conto di quello che ho fatto. È un ottimo risultato e dobbiamo continuare su questa strada”.

Nonostante la quarta piazza, Rabat mantiene sempre la leadership del mondiale con 170 punti, seguito a diciannove lunghezze dal compagno Kallio. Terzo Viñales a 120 punti, alle spalle dello spagnolo Aegerter  a quota 96, mentre Corsi sale al quinto posto con 85 punti.

LA CRONACA - Al via Aegerter riesce mantenere la propria posizione, difendendola dagli attacchi di Kallio. Buono lo spunto di Torres, che scalza Rabat dal terzo posto. Nelle retrovie fa meglio Mattia Pasini, il quale riesce a portarsi a ridosso della top ten dopo essere scattato dalla diciottesima casella in griglia. In fondo al gruppo cade il malese Shah.

In testa al gruppo Aegerter e Kallio dettano il passo, girando sull’1’25” basso. Il finlandese però non ha tempo da perdere e alla seconda tornata sopravanza lo svizzero. Anche Simone Corsi rompe gli indugi, passando prima Rabat ed in seguito Morbidelli. Al quinto giro i primi colpi di scena, con Torres che scivola a terra, lasciando il terzo posto a Corsi. De Angelis è settimo, mentre Pasini sale al decimo posto, approfittando della sfortunata caduta di Lorenzo Baldassarri durante la settima tornata. Tra i ritirati anche Folger, out per problemi alla moto.

Quando mancano venti giri al termine la musica rimane sempre la stessa. Kallio e Aegerter (la cui Suter monta telaio nuovo come quelle di De Angelis e Zarco) fanno il vuoto alle proprie spalle, tanto che Corsi è staccato di oltre cinque secondi. Il laziale guida il gruppo degli inseguitori, insieme a Morbidelli e Rabat, tutti e tre in lotta per l’ultimo gradino del podio. Il pilota italiano del Team Italtrans e quello spagnolo accendono la gara, dando vita ad uno spettacolare testa a testa ricco di sorpassi e controsorpassi. Alla fine l’alfiere del Team Marc VDS ha la meglio, salendo al quarto posto.

Sfortunato invece Zarco, che al quindicesimo giro scivola a terra con la Suter che va addirittura a fuoco. Ad approfittare dell’errore del francese è quindi Maverick Viñales, il quale conquista la sesta posizione, seguito da uno straordinario Mattia Pasini, che sopravanza prima Krummenacher ed in seguito De Angelis.

A otto giri dalla conclusione il copione rimane sempre lo stesso: Kallio e Aegerter fanno gara a sé. Il distacco su Rabat, che intanto si è sbarazzato di Corsi, sale a quasi dieci secondi. Dalla sesta posizione risale Viñales, il quale riesce a ricucire il gap con il terzetto davanti e ad infilare Morbidelli, ottenendo il quinto posto. Sfortunato Cortese, che esce di scena per una caduta, stessa sorte tocca anche ad Alex De Angelis, lui cui moto rimane sul tracciato in piena traiettoria. Pasini sale quindi al settimo posto, dopo essere partito 18°.

Nel finale si accende il duello per la prima posizione. Kallio ed Aegerter sono racchiusi in un solo decimo, con lo svizzero che cerca in tutti i modi di farsi strada. All’ultimo giro arriva l’attacco decisivo: il pilota della Suter infila il finlandese a quattro curve dal termine, passando prima di tutti sotto la bandiera a scacchi. Straordinario anche Simone Corsi, che all’ultima curva sorpassa Rabat salendo sul podio. Morbidelli e sesto, mentre Pasini ottavo alle spalle di Krummenacher. Per la tedesca Nina Prinz 27^ posizione.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti