Tu sei qui

MotoGP, Sachsenring: Marquez si prende anche il warmup

Seconda e terza posizione per Jorge Lorenzo e Stefan Bradl, davanti a Valentino Rossi

La mattina del Sachsenring offre condizioni nuvolose ma asciutte, con un pallido sole che fa capolino durante il warm-up della Motogp. Ultime prove, principalmente per oliare al meglio tutte le procedure e controllare l'assetto finale.

Prove, con un significato relativo, più intrinseco per pilota e squadra che a livello di classifica. Eppure, Marc Marquez si prende il miglior tempo di quest'ultima sessione, non lasciando che le briciole agli avversari, in attesa dell'evento decisivo.

1'22.057 il riferimento cronometrico, davanti a Jorge Lorenzo di 1 centesimo esatto, e a Stefan Bradl di 34 millesimi. Uno Stefan Bradl che, oltretutto, mostra un casco in onore alla sua Germania, in attesa della finale del Mondiale di Calcio. Quarta piazza per Valentino Rossi, staccato di 288 millesimi di secondo a Precedere Pedrosa di un millesimo.

Il fantino di Sabadel ci da l'occasione di raccontare un piccolo aneddoto: in molti hanno effettuato un "cambio-moto" durante questa sessione di warm-up, provando tecniche veloci, saltando direttamente da una moto all'altra come fatto da Marquez ad Assen tanto per fare un esempio. Pedrosa, Lorenzo e Marquez hanno effettuato una prova del genere e tutti e tre hanno incontrato dei piccoli imprevisti. Lorenzo si è trovato un meccanico rimasto leggermente incastrato nel momento di lasciargli la moto, Marquez e Pedrosa hanno dovuto frenare prima per la presenza di un cameraman "ingombrante" non accortosi dell'arrivo del pilota, tanto che il pilota di Sabadel ha rischiato di cadere da fermo.

Tornando alla classifica, sesta e settima piazza per Aleix E Pol Espargaro. Ottava piazza per la migliore delle Ducati, quella di Andrea Dovizioso, staccato di 486 millesimi dalla vetta. Nono invece Bautista a 606 millesimi di secondo, davanti a Cal Crutchlow, Hiroshi Aoyama, Bradley Smith, Nicky Hayden e Andrea Iannone.

Analizziamo i giri veloci dei protagonisti: Marc Marquez ha completato due distinte uscite, per un totale di 12 giri, di cui 10 veloci. Il campione del Mondo sta girando sul passo dell'1'22.basso con estrema regolarità, al di la di un paio di giri in 1'22.9.

Jorge Lorenzo ha sostanzialmente fatto due giri in più sempre in due uscite distinte. A livello di passo, sembrerebbe che al maiorchino manchi circa uno-due decimi di passo per arrivare a quanto stabilito da Marquez. I giri veloci vedono un passo sull'1'22.2-4.

Ben più irregolare il passo di Stefan Bradl. Il tedesco ha completato 11 passaggi veloci, con un passo medio sull'1'22.5, alternando tornate in '22.3 e in '22.8.

Valentino Rossi è stato il pilota che ha girato di più questa mattina con 14 giri veloci. Anche Rossi però ha mostrato una certe eterogeneità nei tempi: prima un graduale miglioramento da '22.6 a 22'3, poi un ritorno su tempi più elevati in 1'22 alto, salvo poi assestarsi negli ultimi passaggi sull'1'22.6 di passo.

Infine Dani Pedrosa, con un totale di 11 giri veloci. Il passo dello Spagnolo si assesta sull'1'22.7. E' da sottolineare come tutti i piloti, ad eccezione di Rossi (partito già con una gomma usata), abbiano effettuato un cambio moto per provare una gomma usurata. L'unica variabile riguarda il numero di giri che già possedeva la gommae  la temperatura più fresca che, come confermato da Matteo Flamigni, aiuta leggermente la moto di Iwata.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti