Tu sei qui

MotoGP, Rossi guarda al futuro, Jorge lotta col passato

Il team Yamaha si prepara al Sachsenring. Valentino: "voglio fare meglio di Assen". Lorenzo: "non mollo"

Il Sachsenring aspetta al varco il team Yamaha e i suoi piloti, che si apprestano a raggiungere la Germania con umori diametralmente opposti. Rossi è galvanizzato dalla firma appena messa sul contratto biennale e vuole dimostrare che il passo falso di Assen è stato solo un caso. Valentino ha raggiunto l’obiettivo che si era prefissato, guidare la M1 per altri due anni. La sua stagione sta andando nel migliore dei modi e sul toboga sassone vuole continuare a migliorarsi.

Sono molto contento di andare al Sachsenring dopo il rinnovo con Yamaha per altri due anni – dice - Ho detto di essere stato molto vicino alla firma per molte gare e finalmente è arrivata. Per me è una cosa realmente importante. Ad Assen ho fatto una buona gara, ma al Sachsenring proverò a fare meglio. Mi piace questa pista, è molto difficile, complicata e piccola. Negli scorsi anni non sono mai andato male, specialmente con la Yamaha. È strana e diversa dalle altre, ma è sempre bello guidare una MotoGP su quell’asfalto. In Germania potremmo anche avere un tempo incerto, speriamo sia bello per ottenere un buon risultato”.

Jorge Lorenzo sta invece precipitando in una spirale negativa che lo sta rendendo quasi irriconoscibile. Prima ancora del futuro, il maiorchino deve affrontare i fantasmi del suo passato. Quelle cadute sofferte in Olanda e in Germania nella scorsa stagione, gli hanno lasciato un segno che ora deve cancellare. Ad Assen ha toccato il fondo e ora è deciso a risalire, su una pista che sulla carta non gli piace ma che può rivelarsi un ottimo banco di prova per lui.

Dopo la deludente gara di Assen, da cui mi aspettavo molto di più, sono di nuovo concentrato sul prossimo GP – le sue parole - Il Sachsenring non è uno dei mie circuiti preferiti, specialmente dopo lo scorso anno quando sono caduto e ho avuto il problema con la placca fissata alla mia clavicola. Dopo quell’incidente ho dovuto sottopormi a un’altra operazione e quel problema ha cambiato ogni cosa. Nonostante questa stagione in cui non mi sento così fortunato per diversi aspetti, non vedo l’ora di correre e cercare di ribaltare la situazione. La moto va bene e sento il sostegno di tutta la squadra. Sono abbastanza ottimista come al solito e non mollerò”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti