Tu sei qui

Moto3, Bagnaia cade nel warm up, non corre

In Moto3 svetta Isaac Viñales, 6° Locatelli. Il turno di Moto2 a Tito Rabat

I piloti di Moto3 e Moto2, i primi a scendere in pista per il warm up, non hanno trovato la pista di Assen nelle migliore condizioni. La pioggia della notte ha lasciato alcune curve bagnate ma dopo qualche giro con le gomme rain, i piloti della classe cadetta hanno montato le slick.

Chi ha avuto la peggio è stato Francesco Bagnaia che è caduto proprio nelle prime fasi del turno. Pecco è stato portato in Clinica Mobile e le sue condizioni non destano preoccupazioni ma le radiografie hanno evidenziato una microfrattura composta al radio e il pilota piemontese non potrà prendere parte alla gara. Dovrebbe comunque tornare in sella senza problemi fra due settimane al Sachsenring e non sarà necessario operarlo.

MOTO3 – In condizioni così particolari, i piloti hanno preso gradualmente confidenza con la pista ma i tempi sono comunque rimasti lontani dai migliori riferimenti del fine settimana. All’ultimo minuto l’ha spuntata Isaac Viñales, fra i primi in tutto il turno, che ha segnato il tempo di 1’45”927. Alle sue spalle la sorpresa Phillip Oettl sulla Kalex KTM, mentre terza è la Honda di Rins.

Fra i primi anche Andrea Locatelli, migliore italiano nel warm up, che con la Mahindra del Team Italia ha preso la sesta posizione dietro ad Oliveira e Marquez. Alle sue spalle Kornfeil, Masbou, McPhee e Sissis, che chiude i primi dieci. Appena più dietro Antonelli e Fenati, rispettivamente 12° e 13°. Mentre Bastianini 15° e Ferrari 18°, termina la lista Tonucci, 21°.

Ha preferito invece non rischiare Jack Miller che non è neppure sceso in pista. Da segnalare, infine, la caduta di Ajo.

MOTO2 – I piloti della Moto2 hanno potuto contare anche sul sole per loro 20 minuti di turno. Ne ha approfittato l’autore della pole position Tito Rabat, protagonista anche del warm up con il miglior crono di 1’38”093, circa sette decimi più lento del tempo di ieri. Alle sue spalle c’è Sam Lowes con la Speed Up, staccato di un decimo, che scatterà dalla terza posizione nello schieramento. Subito dietro una coppia tedesca, con Folger davanti a Cortese, con un ritardo rispettivamente di due e quattro decimi.

In top ten anche Viñales, Nakagami, Kallio, Zarco, Aegerter e Cardus nell’ordine. In ombra invece gli italiani, De Angelis, il meglio piazzato, è appena 15°, 17° Corsi, 20° Pasini, 22° Morbidelli e 24° Baldassarri.

I TEMPI

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti