Tu sei qui

SBK, WSS: Cluzel sopravanza Vd Mark

FP2 - In stock1000 è Lorenzo Savadori il migliore, davanti a Mercado e Massei

Il caldo e l'umidità di Sepang sono ormai alle spalle, anche se a Misano la temperatura è prettamente estiva. Così come a Sepang però, si rinnova il duello tra tre e quattro cilindri, tra MV Agusta e Honda, tra Jules Cluzel e Michael Vd Mark.

Primo l'olandese al mattino, sopravanzato dal francese nel pomeriggio. Cluzel è stato il più veloce chiudendo la giornata in 1'39.651, comunque distante dal primato di Michele Pirro del 2010. Seconda piazza per Van der Mark, staccato di poco più di un decimo con il suo 1'39.777 quale riferimento cronometrico. Chi sorprende invece è Ratthapark Wilairot. L'ex protagonista Moto2, sta crescendo in questa categoria, dove non ha mai saggiato fino in fondo le posizioni da podio. 197 i millesimi di ritardo dalla vetta.

La quarta posizione è appannaggio di Kenan Sofuoglu, a precedere il migliore dei nostri rappresentanti, Lorenzo Zanetti, capace di progredire fortemente dalle prove del mattino. L'Italia ha di che sorridere anche con Raffaele de Rosa e Roberto Tamburini, rispettivamente settimo ed ottavo. Da sottolineare come vi siano ben 11 piloti racchiusi in un secondo. L'ultimo a trovarsi all'interno di questo gruppetto è Massimo Roccoli con la MV Agusta, che accusa un ritardo di 814 millesimi dal crono del suo compagno di squadra.

Gli altri italiani: 12esimo Roberto Rolfo, 14esimo Alessandro Nocco, 15esimo Fabio Menghi, 16esimo Alex Baldolini, 18esimo Marconi davanti a Gamarino e Bussolotti. Chiude il gruppo dei nostri rappresentanti Ferruccio Lamborghini in 22esima piazza.

STOCK 1000 - Al dominio Ducati della mattina, Lorenzo Savadori risponde nel pomeriggio. In un modo o nell'altro, l'Italia è protagonista della stock 1000. L'italiano ha ritoccato di pochi millesimi il crono di Ondrej Jezek della prima sessione, girando in 1'40.011. Il ceco, portacolori Barni Racing è però incappato in una caduta, chiudendo in sesta piazza. Borgo Panigale si consola comunque con la seconda e la terza posizione di Mercado e Massei. Quinta piazza per Federico Sandi, mentre in settima troviamo Federico D'annunzio. Senza tempo invece Calia, caduto alla curva 4 con la sua Aprilia.

STOCK 600 - Se questa mattina avevamo 7 italiani nei primi sette posti, il pomeriggio della stock600 ne regala ben otto nei primi otto posti. E' dominio italiano nella classe cadetta, con Marco Faccani sempre miglior interprete. 1'41.539 il riferimento cronometrico, che precede Caricasulo, Stirpe, Rinaldi, Casalotti, Manfredi, Zaccone e Sabatino. Per chi non ha passaporto italiano, per ora, Misano è territorio di comparsa.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti