Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo sconfitto: queste sono le gare

"Per stabilizzare la moto abbiamo ridotto potenza e perdiamo in accelerazione"

Dopo la gara Jorge Lorenzo non ha la faccia dei giorni migliori. E' abbattuto e si vede. Difficile dire se gli pesa più il quarto posto, essere arrivato dietro al compagno di squadra o piuttosto non essere competitivo.

"E' vero, sono un po' amareggiato. Sapevo che i miei avversari erano a posto e che anche Vale aveva un buon passo. Anche il mio passo era buono, ma purtroppo non sono riuscito a prendere alcun vantaggio, dopo la partenza. Siamo stati veloci, perché faceva meno caldo, ma quando Rossi mi ha passato ho scoperto che non riuscivo ad accelerare nelle ultime due curve. Un punto sui cui andavo forte l'anno passato".

Il problema è stata l'instabilità al posteriore della Yamaha.

"Per minimizzarla abbiamo ridotto la potenza e ciò si è ripercosso sulla accelerazione, in più ho iniziato a perdere aderenza e quando ero alle spalle di Dani faticavo a stare con lui, senza avere nemmeno la possibilità di uscirgli dalla scia. Potevo solo recuperare in certi punti. Peccato. Non avessimo avuto questi problemi di accelerazione avremmo anche potuto avere l'opportunità di vincere. Abbiamo migliorato la frenata, ma non basta".

Dopo la bella prestazione al Mugello tutti si aspettavano di rivedere Lorenzo in lotta con Marquez. Non è andata così.

"Sono le gare, è questo il gioco - osserva Jorge - cambiano le piste, l'asfalto, così cambiano i risultati".

C'è dell'altro.

"Quando sei dietro ad una Honda è difficile seguirla perché non si riesce a fare le loro stesse traiettorie. Devi stare più interno. E comunque in quarta, quinta e sesta vanno via".

Lunedì la MotoGP torna in pista, ma evidentemente alla Yamaha un giorno solo di prove non era sufficiente.

"Abbiamo molte cose da provare, mercoledì ci sposteremo ad Aragon. Speriamo che sia asciutto qui perché solo provando sulla stessa pista avremo dei riferimenti".

Ma ad Aragon, magari, si potrà provare dell'altro lontano da sguardi indiscreti.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti