Tu sei qui

Moto2, FP1: Rabat subito veloce a Barcellona

Kallio insegue lo spagnolo in seconda posizione, quarto tempo per Mattia Pasini

Il weekend di Moto2 del Gran Premio di Catalogna si apre nel segno di Tito Rabat. Dopo aver dominato due settimane fa al Mugello, il pilota spagnolo nutre una doppietta in quella che è la gara di casa, aprendo la giornata con il tempo di 1’47”059. Al primo turno di libere, con l’asfalto che segna 37° (dici gradi in più in confronto alla sessione di Moto3), l’alfiere della Kalex gira nove decimi più lento rispetto al bast lap di Marquez realizzato nel 2012.

L’attuale classifica del campionato conferma i valori in campo, perché in secondo posizione c’è Mika Kallio (+0.741) ad insediare il tempo del compagno di squadra, staccato però di oltre sette decimi. Il finlandese paga nell’ultimo settore, dove Tito Rabat fa la differenza. Nelle prime posizioni sorprende con il quarto tempo Mattia Pasini (+0.856), che nel finale si è visto soffiare dal debuttante Folger, per soli 56 millesimi, il terzo tempo.

Buone notizie arrivano anche dagli svizzeri Aegerter (5°, +0.977)  e Luthi (6°, +1.098), nonostante quest’ultimo sia stato autore nel finale di una sfortunata caduta alla curva cinque senza conseguenze. Nella top ten segni di vitalità giungono anche dagli spagnoli Torres (+1.124) e Terol (+1.185), rispettivamente sesto e settimo, mentre Nakagami chiude col decimo tempo.

Ad eccezione di Mattia Pasini, sessione in salita per gli altri portacolori italiani, con De Angelis diciottesimo (+1.458), preceduto dal campione in carica di Moto3, Maverick Viñales. Un posizione più indietro Franco Morbidelli, il quale lamenta problemi di affidabilità nel secondo settore della pista. Più staccati Corsi e Baldassarri, racchiusi in soli quattro millesimi in 21^ e 22^ posizione.

Da segnalare ad inizio turno un lungo senza conseguenze per l’americano Josh Herin, autore del trentunesimo tempo.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti