Tu sei qui

Polini Italian Cup, 3° round a Pomposa

In pista anche l'ex pilota del motomondiale Gianluigi Scalvini con una Vespa 135

Polini Italian Cup, 3° round a Pomposa

Giro di boa per la Polini Italian Cup, che in questo secondo weekend di giugno ha fatto tappa a Pomposa (FE), per il terzo round della stagione. Un circuito storico, nato nel 1959, ed oggi uno dei più attivi d’Italia con i suoi 1200 metri di lunghezza.

Sotto un caldo sole che ha sancito l’inizio di questa estate 2014 e che non ha risparmiato colpi di calore, ancora una volta tanto spettacolo e colpi di scena per le sei categorie del trofeo, che dopo le prove libere e cronometrate del mattino, ha visto il via alle due manche di gara nel primo pomeriggio.

Pit Bike -Le Pit Bike hanno dato il via alle gare. Dopo una dominazione pressoché assoluta di Gianluca Cuttitta nei primi due round di campionato, in questo terzo appuntamento è stato Lorenzo Pirrè a dettare legge. Infatti, con la pole position, ma una non perfetta partenza, in Gara1 è riuscito a rendersi protagonista di una fantastica rimonta che lo ha visto tagliare per primo il traguardo. Dietro di lui Cuttitta, Alessandro Fabbri e Gabriele Camorcia, che sino all’ultimo giro si sono dati del filo da torcere per la seconda posizione. Gara2 è stata una replica della prima manche, con un’altra vittoria di Pirrè, che si è aggiudicato il primo gradino del podio di giornata, 50 pulitissimi punti e la terza posizione in classifica di campionato.

70 Evolution Open - Altro sensazionale successo per il Team Polini, che ha dominato in entrambe le manche di gara con le straordinarie performance dei piloti ufficiali.

Direttamente dalla categoria 100 Big, a provare a scombussolare le carte, nella prima manche ci ha provato Nico Morelli. Infatti, dopo una grande partenza, per due giri si è interpretato leader della corsa, ma una caduta al secondo giro lo ha messo fuori dalla lotta per la top three. Coinvolto nella scivolata anche Corsi, autore poi di una bella rimonta al termine della quale ha chiuso dietro ad un imprendibile Tiraferri, e davanti al compagno di squadra Niccolò Castellini.

Sensazionale anche Gara2, nella quale Tiraferri e Corsi hanno ancora una volta creato l’abisso con gli altri piloti. I due ufficiali si sono sfidati e risfidati, creando suspance ad ogni curva, sino alla bandiera a scacchi, dove ad avere la meglio è stato Corsi con un sorpasso in scia. Sfida per la terza posizione tra Morelli e Castellini: tra i due è il primo ad avere la meglio, ma Niccolò fa comunque suo il terzo gradino del podio di giornata.

Sul podio di fine giornata: Corsi, Tiraferri e Castellini.

70 Evolution Monomarca - Grandi sfide anche nella categoria 70 Evolution Monomarca. Gara1 è partita con un colpo di scena: durante il giro di ricognizione Marco Moroni è rimasto a piedi per un problema tecnico al suo motore e non ha quindi potuto prendere parte alla prima corsa. Vittoria di margine per Alessandro Fabbri, che ha staccato di ben quattro secondi Alessio Tarabella e Cristian Picciallo. Moroni si prende la rivincita dalla sfortuna della prima manche in Gara2, andando a vincere con netto distacco su Tarabella e Fabbri.

Sul podio di fine giornata: Fabbri, Tarabella e Picciallo.

Vespa 135 - Dopo due gare ed una dominazione totale, a Pomposa si spezza l’incantesimo di Matteo Piacentini. Infatti, dopo aver vinto tutte le manche a Castelletto, a Viterbo e la prima di Pomposa, nella seconda manche un contatto con il compagno di squadra Marco Leaso lo vede retrocedere sino all’ultima posizione. Da qui inizia la sua incredibile rimonta che lo ha visto però chiudere in seconda posizione finale. Presenza speciale, in sella alla Vespa numero 8 del Team Polini, quella di Gianluigi Scalvini, pilota del Mondiale Velocità negli anni Novanta. Il Bresciano ha fatto sua la terza posizione in Gara1 e la prima in Gara2, tra gli applausi e il tifo del pubblico, che dopo anni lo ha rivisto salire in sella ad un motore. Grande gioia, ma anche tante soddisfazioni, in quanto Scalvini è anche riuscito a conquistare il secondo gradino del podio di giornata.

70 Evolution Amatori - Gara ricca di sfide quella della categoria Amatori, con oltre 20 piloti presenti al via.  Arrivato a Pomposa al comando della classe, Elia Angeli non è riuscito ad interpretare al meglio il tracciato, concludendo ottavo e nono. A vincere Gara1 è stato Andrea Modena, in una lotta sino all’ultimo con Gabriele Beghelli: i due si sono dati del filo da torcere per tutti e 12 i giri, con lo sloveno Luka Koren spettatore in terza posizione. Peccato per Daniel Penzo, uscito di scena al quinto giro.

Doppia partenza in Gara2: all’inizio del secondo giro, Ceriotti e Calce sono stati protagonistici di un contatto che li ha messi fuori dai giochi, con uno dei due mezzi rimasto fermo, gravemente danneggiato, in mezzo alla pista. La bandiera rossa ha imposto lo stop della corsa ed i piloti si sono nuovamente schierare in griglia. Gara accorciata di un giro, con Modena vincitore anche della seconda manche davanti a Koren e Beghelli.

Sul podio di fine giornata: Modena, Koren e Beghelli.

100 Big Open - Dopo la doppia vittoria a Viterbo, Stefano Scribano era nettamente il favorito di questo terzo appuntamento della stagione. Invece a mettergli i bastoni tra le ruote, scombussolandogli i piani, ci ha pensato Nico Morelli, che è riuscito ad avere la meglio nella prima manche. In Gara1, infatti, Scribano non è riuscito ad interpretare una buona partenza, chiudendo secondo dopo una bella rimonta. Terza posizione per Antonio Righetti, che fino all’ultimo ha cercato di non lasciare la posizione a Scribano. Caduta invece per Federico Ciacci subito nelle primissime fasi della corsa. Seconda manche tiratissima sino alla fine, con Scribano e Morelli in lotta per la vittoria con incredibili sorpassi e staccate al limite. A decidere il tutto è il fotofinish, dove per un solo centesimo Scribano ha avuto la meglio su Morelli. Terzo sempre Rota.

Sul podio di fine giornata: Tognarelli, Parodi e Tarabella.

Così in campionato:

PIT BIKE 125cc 4T

1. Cuttitta 135; 2. Camorcia 111; 3. Pirrè 105; 4. Fabbri 88; 5. Carminati 66; 6. Lauro 59; 7. Caddeo 55; 8. Calce 26; 9. Mammi 16; 10. Grotto 15; 11. Zucchi 10; 12. Sisti 6.

SCOOTER 70cc EVOLUTION MONOMARCA

1. Fabbri 114; 2. Picciallo 92; 3. Tognarelli 91; 4. Tarabella 91; 5. Parodi 60; 6. Mancuso 42; 7. Moroni 34; 8. Ziarelli 22; 9. Serventi 0.

SCOOTER 70cc EVOLUTION OPEN

1. Tiraferri 140; 2. Corsi 130; 3. Gabellini 71; 4. Gurrieri 64; 5. Zani 62; 6. Passanisi 62; 7. Castellini 55; 8. Nuti 50; 9. Morelli 27; 9. Berlini 17.

VESPA CLASSIC 135cc

1. Piacentini 145; 2. Leaso 109; 3. Mammi 79; 4. Rutigliano 64; 5. Meneghetti 62; 6. Bigarelli 49; 7. Scalvini 41; 8. Brunolaro 36; 9. Bianchin 22; 10. Vitali 0.

SCOOTER 70cc EVOLUTION AMATORI

1. Angeli 102; 2. Modena 98; 3. Beghelli 66; 4. Calce 65; 5. Novelli 65; 6. Pagliaccia 63; 7. Penzo 62; 8. Frigè 48; 9. Ceriotti 43; 10. Protti 42; 11. Tentoni 34; 12. Inversini 29; 13. Schiappa 29; 14. Girardi 23; 15. Costa 15; 16. Rubino 14; 17. Loreto 11; 18. Nardini 11; 19. Cecchi Rocchetti 8; 20. Cremonese 4; 21. Roberti 4; 22. Sfiller 1; 23. Alberti 0; 24. Cantarella 0; 25. Bortignon 0; 26. Lamonaca 0; 27. Fusari 0.

SCOOTER 94 BIG OPEN

1. Scribano 128; 2. Vitali 98; 3. Morelli 79; 4. Righetti 70; 5. Mihael 59; 6. De Carolis 53; 7. Rota 51; 8. Sisti 48; 9. Ciacci 37; 10. Pelle 33; 11. Zucchi 29; 12. Tiraferri 25; 13. Bianchini 24; 14. Brignoli 18; 15. Buna 5.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti