Tu sei qui

Moto3, Test: al Mugello novità per Honda e KTM

Rins prova un nuovo telaio, airbox e forcellone per le austriache. Cade Alex Marquez

Giornata di test oggi al Mugello per i piloti della Moto3, che hanno provato sia novità sulle loro moto che gli pneumatici che Dunlop ha portato in previsione 2015. Gomme che differiscono dalle attuali sia per mescole, che per costruzioni e profili. In casa KTM Jack Miller e Karel Hanika hanno lavorato su nuove soluzioni aerodimamiche, mentre Niklas Ajo e Danny Kent (sulle Husqvarna) avevano a disposizione anche un nuovo airbox. Per Romano Fenati pedane e forcellone diversi, mentre Francesco Bagnaia, Niccolò Antonelli ed Enea Bastianini avevano nuove forcelle.

Alex RinsUn caduta nel pomeriggio ha interrotto i test di Alex Marquez, portato in via precauzionale in ospedale dove sarà tenuto sotto osservazione per tutta la notte anche se non sono state riscontrate lesioni. Il suo compagno di squadra Alex Rins ha messo invece alla frusta un nuovo telaio sulla sua Honda, ricevendo riscontri positivi. I piloti Mahindra, risolti i problemi alla frizione che li avevano afflitti nelle prime gare, si sono concentrati su motore e sospensione.

Oltre ai piloti citati, in pista c’erano Zulfahmi Khairuddin, Alexis Masbou, Miguel Oliveira, Arthur Sissis, Livio Loi, Peter Oettl, Hafiq Azmi, Matteo Ferrari e Andrea Locatelli.

Niccolò AntonelliNiccolò Antonelli (1'58"7): “In questi test abbiamo preferito compiere soltanto pochi giri per verificare che tutto fosse a posto sulla moto utilizzata domenica durante il Gran Premio, senza effettuare particolari prove. Guardiamo già al prossimo appuntamento al Montmelò”.

Enea Bastianini (1'57"8): “È stato un test positivo, nel quale abbiamo potuto provare diverse soluzioni mirate principalmente a migliorare la percorrenza di curva; ci siamo concentrati sulle sospensioni, provando degli ammortizzatori alcuni dei quali hanno funzionato bene, altri meno. Non ho potuto fare molti giri perché una leggera pioggia ha rallentato il lavoro, però sono contento del risultato di queste prove”.

Andrea LocatelliAndrea Locatelli (1'58"8). "Posso ritenermi pienamente soddisfatto. Dopo due gare di stop un’ulteriore giornata di attività in pista mi è senza dubbio servita per ritrovare il giusto ritmo, verificando la piena ripresa dall’infortunio. Nel tempo a disposizione siamo riusciti a concretizzare un significativo passo avanti, migliorando di gran lunga i riferimenti cronometrici: ho girato in 58?8 senza particolari problemi, da solo e senza l’ausilio di qualche scia, tenendo oltretutto il passo di piloti che hanno concluso davanti a noi domenica in gara. Ci siamo concentrati su modifiche all’avancorsa che hanno decisamente migliorato il mio feeling in ingresso curva: adesso riesco a guidare come più mi piace e chiudere meglio le traiettorie, quello che ci voleva in previsione delle prossime gare".

Matteo Ferrari (1'59"5). "Oggi abbiamo lavorato bene, posso esser contento dei responsi di questa giornata di test. Per quasi tutto il tempo ho girato con gomme usate, cercando soluzioni interessanti sul passo gara. Il mio tempo di 1’59?5 non è male considerati questi fattori e le condizioni della pista, non proprio ottimali per qualche scroscio di pioggia nel primo pomeriggio. Abbiamo sperimentato delle soluzioni in termini di messa a punto che hanno dato i riscontri sperati: è migliorato l’ingresso-curva, tenevo senza problemi il ritmo di altri piloti che si sono giocati il podio domenica come Masbou. Resta ancora da perfezionare l’uscita di curva, ma con questa nuova impostazione di set-up possiamo progredire ancora nel prosieguo della stagione".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti