Tu sei qui

Moto2, Rabat: rimonta e vittoria al Mugello

GARA: Bel recupero del nostro Simone Corsi, da 22esimo a quarto al photofinish

La superiorità è evidente, anche quando è costretto a rimontare. Quella di Tito Rabat è stata l'ennesima conferma e riprova di una velocità, di una forza mentale e tecnica che, ad oggi, non ha eguali per quanto concerne il campionato del Mondo 2014.

Dopo aver subito un sorpasso alla Casanova Savelli al primo giro, aver perso terreno e posizioni, lo spagnolo si è messo in testa di recuperare i secondi persi, ed andare a riprendre Luis Salom, artefice dell'entrata alla Casanova-Savelli, e quello che fino a quel momento era il primo in classifica, Jonas Folger.

Una rimonta cadenzata e non furiosa, figlia di una vera e propria superiorità. "Si mi sono divertito tanto. Ho fatto una partenza buona, poi mi sono toccato con Luis Salom. Grande battaglia in un circuito bellissimo!".

Subito dopo la conquista della prima posizione, e dopo un pò di melina con Luis Salom, Rabat ha deciso di dettare il ritmo e da quel momento il portacolori del team di Sito Pons non è riuscito proprio a riprenderlo: "E' stata una gara incredibile. Ho fatto un lavoro buono, ma è stata dura, difficile. Avevo un piano di attaccarlo alla fine, ma mi si chiudeva il davanti all'ultimo. Chissà però, avessi avuto un giro in più. Ora arrivano però le piste che più amo, come Assen".

Terza piazza per Jonas Folger, in testa per circa due terzi di gara. Il rookie della "classe di mezzo" - così come Salom - ha conquistato il suo secondo podio in carriera in Moto2, assaporando anche la prima posizione: "E' stato bello sopratutto all'inizio. Potevo guidare proprio come volevo. ero forte sui freni, poi alla fine abbiamo avuto dei problemi. Abbiamo sospensioni nuove e dobbiamo capirle e lavorarci, ma abbiamo una bella base ora".

A far sorridere l'Italia ci pensa la buonissima prestazione di Simone Corsi. L'italiano, partito 22esimo, è stato autore di una gran bella rimonta, che lo ha portato fino alla quarta posizione, conquistata con caparbietà e giustezza in volata su Aegerter, Kallio e Zarco. "E' stata una bella gara, non mi sono di certo annoiato. Bello, ma peccato per il podio mancato. Non sono partito benissimo, poi alla prima staccata ho chiuso gli occhi e ne ho passati abbastanza. Ho fatto una bella rimonta, ma l'obiettivo non è stato centrato. Abbiamo però preso punti per il campionato".

Se da un lato del team Forward si gioisce, dall'altra ci si dispiace per la prestazione di Mattia Pasini, ottimo sesto fino alla caduta che lo ha estremesso dalla gara, quando l'anteriore ha chiuso mandando Mattia inesorabilmente sulla sabbia della Scarperia-Palagio.

Delude le attese Sam Lowes, ottavo dopo la bella seconda posizione di ieri. Nono Maverick Vinales davanti al nostro Franco Morbidelli, decimo in volata su Torres. 17 esimo De Angelis, anche lui autore di una buona rimonta.


CRONACA DI GARA


tutto è pronto per la partenza della gara di Moto2: 21 giri al via

- Partenza valida: Folger cerca di fare subito il ritmo, involandosi in testa, davanti a Salom e Rabat. Il leader del mondiale però arriva lungo alla Casanova-Savalli dopo un contatto con Salom, perdendo alcune posizioni. Ora secondo c'è Salom, davanti ad Aegerter, Rabat, Cortese ed il nostro Pasini

- 20 giri al termine: caduta per Josh Harrin. Nel frattempo, i primissimi hanno fatto un solco rispetto al resto del gruppo, all'interno del quale, dietro la sesta posizione di Pasini, troviamo Kallio e Sam Lowes. Decimo Franco Morbidelli. Da dietro, sta risalendo forte Simone Corsi

- 19 giri al termine: Rabat arriva in scia ad Aegerter e lo passa facile alla San Donato. Il leader del mondiale ora è terzo, nache se staccato di circa 1.6 secondi da Salom. Proprio Salom sta cominciando a braccare Folger

- 18 giri al termine: tra Folger e salom ci sono solo tre diecimi di distacco. Intanto dietro, Simone Corsi sale in ottava piazza. Da segnalare anche come Kallio abbia ripreso a sua volta Aegerter, in netto calo. La questione ora per le posizioni da podio è una: quanto ci metterà Rabat a prendere il duo di testa? Se ci riuscirà, visto il miglior giro stampato da Salom

- 17 giri al termine: caduta per Luthi alla San Donato. Non però in staccata, ma proprio in percorrenza, quando si è trovato in mezzo a due avversari, colpito da entrambi, e finito in terra.

- 16 giri al termine: Corsi continua il suo recupero ed ora transita in settima posizione, trainandosi dietro di se Lowes e Zarco. Poco più staccato Morbidelli.

- 15 giri al termine: Folger continua a resistere in vettra, tenendo oltretutto a debita distanza Salom, staccato di circa 4 decimi. Rabat rimane a 1.8 dalla vetta, ma al contempo la sua terza posizione sembra al sicuro, visti gli otto decimi di vantaggio su Aegerter.

- 13 giri al termine: Bellissimo sorpasso di Mattia Pasini che transita in quinta posizione, superando all'uscita della Casanova Savelli Aegerter. Una gioia che dura poco: alla Scarperia Palagio l'italiano va in terra.

- 12 giri al termine: posizioni congelate in vetta: Folger continua a dettare il ritmo girando in 1'53 basso, e tenendosi dietro Salom. Rabat terzo rimane a 1.4 dalla vetta, con Kallio oramai a 4.2 secondi.

- 11 giri al termine: Bel duello tra Franco Morbidelli e Jordi Torres alla Luco Poggio Secco. Nel mentre, Rabat guadagna tre decimi su Folger e cerca di farsi sotto a Salom che, nel frattempo, ha ricucito lo svantaggio dal leader.

- 10 giri al termine: Salom ha rotto gli indugi e sotto al traguardo transita con soli 75 millesimi di svantaggio. Con la scia affianca il tedesco, ma non riesce a superarlo. In tutto questo, arriva Rabat, a soli 5 decimi da Folger

- 09 giri al termine: rabat arriva alla Bucine molto vicino a Salom. Oramai i tre sono incollati, con Folger però che cerca sempre quel leggero strappo che potrebbe dargli un minimo di tranquillità. La questione riguarderà il duello Rabat-Salom

- 08 giri al termine: Simone Corsi ha passato Mika Kallio. Il romano ha completato una bellissima rimonta che lo vedeva ad inizio gara addirittura 14esimo

-07 giri al termine: Si arriva alla staccata della San Donato e Salom e Rabat passano, mettendo Folger. Il tedesco sembrerebbe aver accusato il colpo. Salom invece prova a dettare il ritmo ma Rabat sembra piuttosto stabile ed in grado di tenere il suo passo.

Salom, rabat e Folger sono tutti racchiusi in un fazzoletto di 4 decimi. Corsi è oramai distante 4.4 secondi, con Aegerter alle sue spalle, seguito da Kallio. Alla staccata della Scarperia però Salom sbaglia, arriva leggermente lungo e viene passato da Esteve Rabat con estrema facilità.

- 06 giri al termine: Alla staccata della San Donato, rabat interno sembra più lento. Probabilmente ha deciso di tenere Salom davanti. Il portacolori del team Pons si riporta in testa.

- 04 giri al termine: Rabat torna in testa alla staccata della San Donato, mettendosi dietro Salom. Aegerter oramai sembra aver mollato leggermente il colpo. Il tedesco accusa un ritardo di 7 decimi dalla vetta. Dietro c'è Simone Corsi che continua la sua lotta per la quarta piazza con Kallio, Aegerter e zarco

- 02 giri al termine: Giro più veloce per Esteve Rabat in 1'52.587, ben 4 decimi meglio di Luis Salom che ora si trova a 6 decimi dal portacolori Marc VDS.

- Ultimo giro: Esteve Rabat vince il gp d'Italia davanti a Luis Salome Jonas Folger. Quarta piazza per Simone Corsi, ottimo decimo Morbidelli che chiude in volata davanti a Torres.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti