Tu sei qui

MotoGP, QP: Iannone senza freni al Mugello, è 2º

Sesta pole del 2014 per Marquez. Ottavo Dovi, delusione per Rossi, a mezzo secondo ma decimo

Il Mugello è il tempio di Valentino Rossi, eterno giovane ed idolo indiscusso delle colline coperte di giallo. Se il Dottore ha "steccato" la qualifica (decimo, il suo peggior risultato stagionale a pari merito con il Qatar, anche se a solo mezzo secondo), il suo colore portafortuna è tornato comunque utile ai tifosi per celebrare la seconda posizione in griglia di Andrea Iannone, battuto solo (per 180 millesimi) dal solito Marc Marquez (sesta pole in altrettante gare nel 2014, con un 1'47.420).

Forse anche grazie al casco portafortuna, l'abruzzese ha ritrovato un po' di serenità con la sua miglior qualifica in carriera in classe regina, per la prima volta in prima fila con Ducati, dopo due ritiri consecutivi in gara. Discorso simile per Jorge Lorenzo, terzo (+0.251) davanti a Dani Pedrosa, Pol Espargaró, ed un redivivo Cal Crutchlow. In un turno incredibilmente equilibrato (dodici piloti in nove decimi), hanno pagato a caro prezzo il proprio ritardo Andrea Dovizioso, ottavo (+0.484) ed appunto Rossi (+0.521). Le dichiarazioni dal parco chiuso:

Andrea Iannone: "Questa è una pista che mi piace e dove ho vinto due volte, sono contento perché si respira aria di casa e questo risultato ci voleva. È molto importante per noi. Per la gara, Honda e Yamaha rimangono avvantaggiate, ma abbiamo fatto tante prove sia con la gomma morbida che la dura e non siamo messi male come usura".

Marc Marquez: "Sei pole position sono tante, ma oggi ho fatto più fatica del solito. Lo scorso anno non è andata bene, invece ora sono fiducioso per domani".

Jorge Lorenzo: "Fisicamente sono sempre più in forma, ma ho fatto solo un podio quest'anno. Domani sarà dura, ci sono tanti piloti forti. Anche Valentino, nonostante sia decimo, ha un ottimo passo. Ma siamo pronti a lottare per il podio".

LA CRONACA

Q2 – Marquez non perde tempo e sigla subito un 1'47.438 ma anche Iannone, sfruttando sapientemente anche le scie in rettilineo, si porta a soli 12 millesimi in seconda posizione. Lorenzo e Pol Espargaró sono ad un decimo con tempi pressoché identici (girano in tandem), mentre Rossi è quinto a mezzo secondo con un 1'47.791. Seguono Pedrosa, Smith, Crutchlow, Dovizioso e Bradl, che chiude la top 10. Chiudono Bautista ed Aleix Espargaró. Dodici piloti racchiusi in 1.3 secondi.

Dopo la consueta pausa ai box, Pol Espargaró scivola alla seconda Arrabbiata. Iannone mette Lorenzo nel mirino ma non riesce a tenere il passo. Il maiorchino invece ritocca di qualche millesimo il proprio best lap ma resta terzo. Migliorano anche Bradl, nono, Crutchlow, quinto e Smith, sesto. Nell'anonimato Rossi, che migliora di pochissimo i tempi della prima run: il Dottore, a soli 0.521 secondi di ritardo, è decimo. Marquez, Iannone e Lorenzo restano in prima fila, con Pedrosa, Pol Espargaró, e Crutchlow a seguire. Settimo tempo per Smith, davanti a Dovizioso, Bradl, Rossi, Bautista ed Espargaró.

Q1 – Hernandez apre le ostilità in 1'48.722 sfruttando anche la scia di Bautista in rettilineo. Segue appunto lo spagnolo di Gresini a + 0.215, mentre Pirro è il primo degli esclusi a mezzo secondo. Prova a rispondere Aleix Espargaró, ma si ferma a +0.487 ed è terzo. Al secondo tentativo, Bautista agguanta la vetta provvisoria per 64 millesimi. Lo supera immediatamente Aleix Espargaró, con un 1'48.580, ancora un decimo più lento del suo miglior riferimento del fine settimana, probabilmente a causa delle temperature più alte (circa 50 gradi sull'asfalto).

Si giocano il tutto per tutto negli ultimi minuti Redding (quarto a 174 millesimi) ed Hernandez (terzo a +0.142). Ritocca invece il proprio miglior tempo Bautista, primo con un 1'48.312. Accende due caschi rossi nei primi settori Pirro, che però perde nella seconda metà del tracciato e chiude con il quinto tempo (quindicesimo assoluto) a quasi mezzo secondo. Toglie diversi secondi rispetto alla FP4 Michel Fabrizio sulla ART (sostituto di Danilo Petrucci), ma si deve accontentare dell'ultima posizione in griglia.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti