Tu sei qui

Moto2, FP3: Mani sulla pole per Rabat

Lo spagnolo più veloce di Folger e Cortese, De Angelis unico italiano nei primi dieci

Il copione dell’ultima sessione di prove libere della Moto2 rispecchia quanto visto nella mattinata del venerdì. Tito Rabat si conferma nuovamente il più veloce di tutti, con il tempo di 1’52”694, stampando caschi rossi in tutti i settori e portandosi a soli tre decimi dal best lap realizzato nel 2012 da Pol Espargaro. Lo spagnolo inizia quindi ad affilare le armi in vista delle qualifiche,  tanto che Jonas Folger (+0.238) è costretto ad inseguire a oltre due decimi. Una beffa per il debuttante della Kalex, che si è visto sottrarre il miglior tempo a pochi secondi dal termine della sessione. Il tedesco è tallonato dal connazionale Sandro Cortese (+0.287), che si ripete dopo l'ottima prestazione del venerdì mattina.

Tra le sorprese della FP3 il quinto posto di Torres (+0.649), preceduto dallo svizzero Thomas Luthi (+0.411), primo pilota con la Suter. Costretto a rincorrere il campione in carica della Moto3, Maverick Viñales (+0.699) autore di uno scivolone senza conseguenze, seguito da Salom (+0.815) e Kallio (+0.824), con quest’ultimo ancora alla ricerca del giusto setting sul tracciato del Mugello.

Nella top ten l’unico a tenere alta la bandiera tricolore è Alex De Angelis (+0.910), mentre in quattordicesima posizione Franco Morbidelli (+1.056), il quale lamenta problemi di chattering. In mezzo ai portacolori italiani Terol, Zarco ed Aegerter.

Sessione da dimenticare invece per Simone Corsi (+1”313), soltanto diciannovesimo a oltre un secondo. Peggio invece è andata al compagno di squadra Mattia Pasini (+1”704), autore di uno scivolone senza conseguenze al Correntaio e staccato di tre posizioni dal pilota laziale. Costretto ad accontentarsi del 24° tempo Lorenzo Baldassarri (+1”821), il quale precede Randy Krummenacher, più veloce di tutti nella FP2 di ieri pomeriggio condizionata da pista umida.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti