Tu sei qui

Moto3, FP3: Marquez si conferma, Fenati no

Lo spagnolo resta primo, l'italiano da secondo a undicesimo (+0.878) davanti a Bagnaia

La pioggia caduta in serata non ha impedito ai piloti della Moto3, in pista al Mugello per la FP3, di migliorare i propri riferimenti. Sotto un timido sole (resta la possibilità di precipitazioni nel corso della giornata), Alex Marquez (il più veloce ieri) si è aggiudicato il turno con un tempo di 1'57.620, un tempo pressoché identico a quello della pole position dello scorso anno ed oltre un secondo più veloce del miglior riferimento di ieri (1'58.713).

Se Honda ha ottenuto il miglior tempo con lo spagnolo, KTM non è stata guardare. Secondo tempo per Efren Vazquez, staccato di soli 17 millesimi. I due hanno staccato abbastanza nettamente gli inseguitori: Brad Binder, in sella ad una Mahindra comunque in crescita, ha chiuso in terza posizione a 0.562 di distacco.

Il sudafricano guida un gruppo degli inseguitori molto compatto (tredici piloti in un secondo). Alle sue spalle, con il quarto tempo, c'è il leader della classifica iridata Jack Miller (+0.678), seguito da Isaac Viñales e Miguel Oliveira. Apre la terza fila virtuale John McPhee, settimo (+0.753) davanti ad Alex Rins e Niklas Ajo. Chiude la Top 10 Jacub Kornfeil.

Turno opaco per gli italiani. Romano Fenati e Francesco Bagnaia, pur migliorandosi di una manciata di decimi rispetto alla FP2, hanno siglato rispettivamente l'undicesimo (+0.878) ed il dodicesimo tempo (+1.074). Distacchi leggermente migliori dal punto di vista del ritmo, comunque di oltre mezzo secondo più lento degli inseguitori. L'ascolano accusa la maggior parte del proprio distacco nel T1 e T4, mentre il piemontese, oltre ai settori sopracitati, è in maggiore difficoltà anche alle due Arrabbiate.

Solido quindicesimo tempo per l'esordiente Enea Bastianini, mentre il suo compagno di squadra Niccolò Antonelli è stato protagonista di una caduta che, pur senza conseguenze fisiche, non ha certo giovato alla sua fiducia. Il pilota di Cattolica, 28º (+2.729) con soli sette giri all'attivo, ha parlato inizialmente di un funzionamento anomalo del freno motore.

Gli altri italiani: 20º Alessandro Tonucci (+1.754), 24º (+1.929) Matteo Ferrari, 27º Andrea Antonelli (+2.603), 29º Anthony Groppi (wild-card, +3.182), 35º Simone Mazzola (wild-card, +4.604).

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti