Tu sei qui

SBK, Donington, FP3: Sykes profeta in patria

Il pilota Kawasaki da record con gomme da gara. Giugliano 2º, risale fino alla sesta posizione Melandri

La terza sessione di prove libere della SBK a Donington, l'ultima valida per l'accesso alla Superpole, ha visto Tom Sykes imporsi in vetta alla classifica dei tempi con un 1'27.840. Il campione in carica su Kawasaki è stato l'unico in grado di scendere sotto 1'28 (il best lap in gara, sempre appartenente a lui, è di 1'28.074) in assetto da gara nelle fasi iniziali del turno, prima che una leggerissima pioggia e le temperature progressivamente più fredde impedissero ai rivali di replicare.

"Mr. Superpole" è apparso particolarmente minaccioso, inanellando otto giri in 1'28 basso. In grande spolvero anche il compagno di squadra Baz (scivolato alla prima curva), autore di un long-run da 16 giri, quattordici dei quali consecutivi in in 1'28. Uno sguardo globale ai cronologici sembra indicare Kawasaki e Aprilia come favorite a temperature più fredde, con Ducati, Honda e Suzuki maggiormente a loro agio in caso di asfalto più caldo.

Davide Giugliano, protagonista nella FP2, ha chiuso in seconda posizione (+0.242) pur senza migliorare i propri riferimenti (nove decimi più lento che nella FP2). Terzo tempo per Sylvain Guintoli (+0.292, unico dei primi cinque a migliorarsi insieme a Sykes) davanti a Loris Baz (+0.341) ed Alex Lowes (+0.347).

Risale la china Marco Melandri, sesto nella combinata (+0.627) ed un secondo più veloce rispetto al mattino. Il ravennate ha siglato il quarto tempo nel turno, con un miglior passo di 1'28 alto. I problemi in staccata nell'ultimo settore sembrano risolti, mentre rimangono tre decimi da limare nello scorrevole T1.

Seguono Eugene Laverty (+0.655), Jonathan Rea (+0.825), Leon Haslam (+0.993) e Chaz Davies (+1.107), ultimo ad accedere direttamente alla Superpole 2 e protagonista di una scivolata alla prima curva senza conseguenze fisiche.

Il primo degli esclusi dalla SP2 è Niccolò Canepa, stabilmente al vertice della categoria EVO sulla Ducati Panigale del team Althea, undicesimo a +1.595. Pur più vicini, restano distaccati Leon Camier (+1.844), Christian Iddon (+2.159), Ayrton Badovini (+2.159) e David Salom (+2.180). Non ha preso parte alle prove Bryan Staring, sostituto di Michel Fabrizio dopo il divorzio tra il romano ed il team Grillini, infortunato ad un braccio.

I TEMPI COMBINATI

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti