Tu sei qui

SBK, Donington: Baz e Lowes svettano nella FP1

Lotta a distanza tra i due giovani, con Sykes e Rea a ruota. Ottavo Melandri davanti a Giugliano

La prima notizia è che a Donington il meteo, per ora, regge. La Superbike ha aperto le danze con la prima sessione di prove libere (per l'occasione, tutte e tre le cronometrate che determinano l'accesso alla Superpole si svolgeranno al venerdì) sotto un tiepido sole (21 gradi). Il primo verdetto della pista è invece a favore dei giovani. Loris Baz (Kawasaki) si è aggiudicato la FP1 con un miglior tempo di 1'28.453, 0.223 più veloce di Alex Lowes (Suzuki).

I due hanno battagliato a distanza scendendo per primi sotto 1'29 – oltre a loro, ci è riuscito solo Tom Sykes, terzo a + 0.382 – ad avvicinandosi già al best lap con gomme da gara di 1'28.074 (Sykes, 2013). Difficile giudicare il loro ritmo, ancora troppo irregolare, mentre il campione in carica ha inanellato una serie di sei giri consecutivi intorno a 1'29 netto, passo che, meteo permettendo, dovrebbe abbassarsi almeno di un altro secondo.

Jonathan Rea, reduce da tre vittorie consecutive su Honda, si è momentaneamente accontentato del quarto posto (+0.609) precedendo di misura Sylvain Guintoli (+0.681), Leon Haslam (+0.701) – che giocano in casa, dal momento che entrambi vivono a pochi chilometri dal circuito – e Eugene Laverty (+0.710).

Più attardati i portacolori italiani. Marco Melandri, che a Donington ha vinto sia nel 2011 che nel 2012 (bottino al quale vanno aggiunti due secondi posti), ha chiuso la sessione in ottava posizione (+0.954) davanti a Davide Giugliano su Ducati (+1.212). Il settore più critico per il ravennate rimane il quinto (contraddistinto da due tornantini a bassissima percorrenza), mentre il romano soffre maggiormente nel secondo e nel quarto.

In undicesima posizione (+1.616), Niccolò Canepa è saldamente in testa alla classifica EVO seguito da Toni Elias, David Salom, Fabien Foret e Christian Iddon. Più lontano Leon Camier su BMW (+1.616), sedicesimo davanti ad Ayrton Badovini (Bimota) e Claudio Corti (MV Agusta).

I TEMPI

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti