Tu sei qui

News Prodotto, Bultaco Rapitàn: l'elettrica della rinascita

Arriva la crossover elettrica da 40 kW. 200 km di autonomia e 145 km/h di velocità massima

Bultaco Rapitàn: l'elettrica della rinascita

Ve ne avevamo parlato nei giorni scorsi ed ora è arrivata la presentazione ufficiale. Nella cornice di Londra, la Bultaco ha mosso i suoi primi passi della sua nuova storia con un comune denominatore, l'elettrico. Partiamo quindi da questo primo modello, un crossover declinato in due versioni, normale e sport, che reca come nome "Rapitàn".

Quelli che son stati presentati sono invero dei prototipi, ma in fase estremamente avanzata. La Rapitàn è, come detto, una crossover, tipologia che segue quindi l'attuale fase del mercato, ripensato ovviamente in chiave elettrica, con una ciclistica realizzata su un telaio in traliccio in tubi d'acciaio, una sopsensione anteriore definita Dual Lever Evolution.

In realtà si tratta, più comunemente, di una forcella Hossack, nota anche come Duo-Lever, che gli appassionati hanno già avuto modo di vedere per anni sulle moto di casa BMW. Su questo prototipo, la sospensione è stata invero realizzata con componenti in lega leggera ricavati dal pieno.

Bisognerà attendere però se durante la fase di realizzazione, questa scelta 'costosa' sarà messa da parte in loco di un metodo meno raffinato ma comunque funzionale. Anche il braccio oscillante anteriore è un traliccio in acciaio, anche se sulla versione Sport - che offre una declinazione più da motard - questo è coperto da una cover che simula una fusione in alluminio. Se l'anteriore offre quindi soluzioni originali, al posteriore spazio ad idee più consone e tradizionali.

Ecco quindi un forcellone a due bracci con ammortizzatore cantilever. Grande capacità di carico è data da un vano porta casco posto nel finto serbatoio. Una soluzione che si ritrova anche nella serie NC di casa Honda.

Veniamo dunque alla motorizzazione, sviluppata e costruita dalla Bultaco. Il motore elettrico offre una potenza massima di 40 kW con un valore di coppia di 125 Nm. Potenze che permettono una velocità massima di 145 Km/h. Il pacco batterie si trova sotto alla moto nella zona anteriore. Batterie agli ioni di Litio che integra il Battery Management System.

Anche se l'Amperaggio non è stato dichiarato, in Bultaco parlano di un'autonomia calcolata di 200 Km nel ciclo urbano, 110 in autostrada e 140 nel ciclo combinato. Il tempo di ricarica è stabilito in un delta di 3,5-5 ore con carica normale, con un picco di 45 minuti - 1 ora in modalità rapida.

Ovviamente presente il sistema di recupero dell'energia cinetica in fase di frenata. Un momento che viene amplificato, a detta dei tecnici della casa spagnola, dalla distribuzione dei pesi, dalla geometriaa e dall'assetto della moto che mantiene una elevata aderenza della gomma posteriore in fase di frenata. Il recupero dell'energia cinetica avviene non solo con le batterie, ma anche con l'utilizzo di condensatori.

Il peso dichiarato è di soli 189 kg. Per poter vedere questi prototipi circolare per strada, secondo Bultaco, non bisognerà attendere troppo.

Entro l'anno infatti la casa spagnola inizierà la commercializzazione, grazie anche alla creazione di 500 posti di lavoro tra il reparto ricerca e sviluppo di Madrid e la sede produttiva di Barcellona.

GALLERY BULTACO RAPITAN

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti