Tu sei qui

Moto2, Corsi sul podio dietro a Kallio

Il pilota romano precede Rabat, decimo posto per Franco Morbidelli

E sono due. Mika Kallio conferma il proprio momento d’oro anche a Le Mans, bissando il successo ottenuto a Jerez. Il finlandese, partito dalla seconda fila, è riuscito subito a portarsi a ridosso della vetta per poi piazzare la zampata vincente a otto  giri dal termine e ottenere il successo incontrastato.

Nel giorno di Kallio festeggia anche Simone Corsi, autore di un secondo posto  tutto cuore e grinta in volata su Rabat.  Sorride il pilota laziale, che a otto tornate dal termine assaporava il primo successo stagionale:  “Oggi è mancato poco per la vittoria – ha spiegato l’alfiere del Team Forward, che torna sul podio dopo il Gp del Sachsenring - abbiamo fatto una buona tattica, mancava un po’ di grip, però questo è un gran risultato”. A tenere alti i colori italiani in terra francese  anche Franco Morbidelli, decimo sul traguardo.  Per lui migliore prestazione stagionale:  “Sono partito abbastanza bene -  ha sottolineato il pilota del Team Italtrans - nonostante al via abbia preso un rischio per superare Simeon. Il passo però era buono, anche se nel finale derapavo troppo. Sono comunque soddisfatto è un risultato importante, per me e la squadra”. Ventesima posizione per Baldassarri, caduti De Angelis e Pasini.

LA CRONACA – Allo spegnimento dei semafori Rabat ha lo spunto migliore sul debuttante Folger, conquistando la prima posizione. La leadership dello spagnolo ha vita breve, perché dalla seconda fila risalgono Kallio e Corsi. Proprio il finlandese infila il compagno di squadra alla seconda tornata, superato a sua volta anche dall’alfiere del Team Forward. Corsi spinge sull’acceleratore e al terzo giro passa al comando della gara davanti a Kallio e Salom, con quest’ultimo che scalza Rabat. Nelle retrovie sono da segnalare le cadute di Simeon, così come il contatto tra Cardus e Pasini, con l’italiano che non la prende bene nei confronti dell’ex compagno di squadra. Stessa sorte tocca al quinto giro anche al sanmarinese Alex De Angelis.

Nelle posizioni di testa Corsi gira sull’1’38” basso, con Kallio e Salom attaccati al pilota laziale. Chi sembra soffrire è Rabat, che all’undicesimo giro vede salire a quasi due secondi il gap dai primi tre. Alle spalle dello spagnolo i debuttanti Folger e Viñales. Undicesimo Franco Morbidelli, 24° Baldassarri, mentre Pons cade a terra senza conseguenze.

Quando mancano otto giri al termine Mika Kallio rompe gli indugi, infilando Corsi e prendendo in mano il comando della gara. Dietro Rabat annulla il gap dal gruppo di testa, mentre Vinales martella sull’1’37’8, realizzando tempi record.

A cinque giri dal termine Kallio tenta la fuga, portando il proprio vantaggio a un secondo su Corsi. L’alfiere del team Forward è costretto a guardarsi da un Tito Rabat arrembante, che scalza il connazionale Salom dal podio. Dalla seconda alle sesta posizione sono tutti racchiusi in meno di 1”3. Nelle retrovie cade Rossi, mentre Morbidelli resiste in decima posizione, preceduto da Aegerter e Lowes.

Nel finale Mika Kallio corre incontrastato verso la vittoria. Alle spalle del finlandese Corsi è braccato da Rabat, ma il pilota laziale riesce a contenere gli attacchi dello spagnolo fino alla bandiera scacchi. Giù dal podio Vinales, seguito da Salom e Folger. Decimo Franco Morbidelli, autore della migliore prestazione stagionale, mentre 20° Baldassarri. 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti