Tu sei qui

Moto3, Le Mans: prima pole per Vazquez

Lo spagnolo beffa Miller per 25 millesimi. Terzo Rins, decimo Fenati, tredicesimo Bastianini

Come da copione, le qualifiche della Moto3 a Le Mans si sono svolte all'insegna dell'equilibrio. Dopo essere stato l'unico in grado di scendere sotto al muro di 1'43 nel mattino, Efren Vazquez (Honda) ha ribadito la propria competitività sul tracciato francese fermandosi a 1'42.491 e battendo un ritrovato Jack Miller (KTM) per soli 25 millesimi, conquistando così la prima pole position in sette anni di carriera. Un bel segnale in pista, dopo le rivedibili minacce via Twitter per il trattamento subito da Tokyo. Chiude la prima fila Alex Rins (Honda) davanti ad Alexis Masbou, Niklas Ajo ed Isaac Viñales.

Grande equilibrio, i primi diciassette piloti in meno di un secondo, e l'abilità a districarsi nel traffico a rappresentare una variabile decisiva, ma qualifica in salita per gli italiani, mai ai piani alti della classifica ad eccezione di Enea Bastianini (poi tredicesimo) nelle fasi iniziali. Romano Fenati guida la pattuglia azzurra dalla decima posizione, ma ha lamentato problemi di chattering con gomma soft al posteriore che lo penalizza di circa due decimi a settore. Oltre al già citato Bastianini, Niccolò Antonelli (quindicesimo a +0.823) ha preceduto di misura Alessandro Tonucci (16º) e Francesco Bagnaia (17º). Più attardati, nonostante i miglioramenti in termini di distacco, Matteo Ferrari (28º) e Michael Ruben Rinaldi (29º).

LA CRONACA – Miller scende subito sotto 1'43 con un 1'42.960. L'australiano è in palla, e lima altri otto millesimi al giro successivo, passando anche Fenati con autorevolezza alla doppia a sinistra prima del traguardo. Seguono Hanika, risalito molto ma a mezzo secondo, Vazquez, Marquez e Rins. Nono e primo degli italiani Bastianini, ma anche Antonelli e Fenati scalpitano. L'esordiente di Gresini comunque continua a registrare ottimi tempi, portandosi fino al terzo posto (+0.595) mentre l'ascolano secondo in campionato gira con gomme usate ed accumula la maggior parte del distacco nel T3.

Dopo una rapida sosta ai box per sistemare gli assetti, Miller continua a dettare il ritmo con 1'42.768 davanti ad Ajo e Marquez. Recupera diverse posizioni Tonucci, sesto (+0.741) davanti a Bagnaia. Nono Bastianini, diciassettesimo Antonelli e ventesimo Fenati. Sono tre le KTM nelle prime quattro posizioni. Ci prova Masbou a suonare la riscossa per Honda, secondo per 49 millesimi prima di scivolare a terra.

Sul finale, Vazquez è il primo a ritoccare il primato per soli 19 millesimi. Lo spagnolo è indiavolato, e scende sotto 1'42 e mezzo, portando il proprio vantaggio sugli inseguitori a due decimi. Fenati risale fino alla decima posizione, ma rimane staccato di otto decimi. Problemi al motore per Antonelli, undicesimo davanti a Tonucci. Il grande traffico nei minuti decisivi congela le posizioni: la pole position va ad Efren Vazquez, che beffa Miller per soli 25 millesimi. Chiude la prima fila Rins, davanti a Masbou, Ajo, Viñales, Marquez, McPhee, e Khairuddin. Migliora ma resta decimo Fenati, davanti ad Hanika e Kent. Tredicesimo tempo per Bastianini (+0.808), quindicesimo Antonelli (+0.823) davanti a Tonucci e Bagnaia. Più attardato Ferrari, ventottesimo (+2.314) davanti a Rinaldi.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti