Tu sei qui

MotoGP, Marquez: anche a me toccherà soffrire

Pedrosa: "problemi ad inizio gara con l'anteriore e sono arrivato a gomme finite su Rossi"

Una vittoria non è mai scontata, ma questo è il primo aggettivo che viene alla mente parlando del quarto successo consecutivo di Marquez. Bisogna incominciare a scomodare Doohan e Agostini per trovare chi fu capace di tanto. La perfezione ha il volto del 21enne di Cervera, che si è permesso il lusso di perdere più di tre secondi nell’ultimo giro per festeggiare una vittoria che a Jerez era sempre stata tabù. Centesimo Gran Premio per Marc e stesso numero di punti in classifica, con Pedrosa che insegue a 72 e Rossi a 61.

Sono felicissimo di questa vittoria. I circuiti di Austin e Termas de Rio Hondo mi piacevano, qui invece ho sempre faticato – sottolinea – Non mi aspettavo una gara come questa, temevo molto Dani alla fine e pensavo che Valentino e Jorge sarebbero stati più vicini. Una situazione simile a quella dell’Argentina nei primi giro, con tanti sorpassi. Invece sono riuscito a prendere un certo vantaggio e ad amministrarlo fino alla fine”. L’unica lotta è stata contro se stesso: “è stato difficile rimanere concentrato per 26 giri con i tifosi che mi spingevano dalle tribune. L’anteriore mi si chiudeva, mi sono distratto solo all’ultimo giro ma a quel punto potevo amministrare”.

Meglio di così il piccolo diavolo non poteva fare. “E’ una partenza perfetta di stagione sono in ottimo momento ma so che arriverà il tempo in cui dovrò soffrire. Sarà importante capirlo e accontentarsi del podio quando accadrà”, argomenta prima di sottolineare che non esclude nessuno per la lotta al titolo. “Neanche Lorenzo, già a Le Mans potrà succedere di tutto, lì il tempo è un’incognita. Questa è stata comunque una vittoria speciale, anche se preferisco gare più combattute, come in Qatar o in Argentina”.

La delusione è stato Dani Pedrosa, re di Jerez che ha visto la corona cadergli dalla testa. Il pilota di Sabadell sembra faticare più che in passato nelle prime fasi della gara. “Nella scorsa stagione avevi avuto dei problemi nell’ultima parte, così abbiamo fatto delle modifiche all’assetto per risolverli. Purtroppo adesso fatico all’inizio. I test di domani serviranno a trovare un nuovo bilanciamento”. Anche nel Gran Premio di casa è stato così. “Ho cercato di forzare ma ho rischiato di cadere un paio di volte nelle curve veloci, l’anteriore mi si chiudeva – racconta – Ho provato ad abbassare il ritmo, Marc stava scappando, ma non c’era verso. In una gara lunga come questa ho preferito stare dietro a Jorge”.

Sul finale Dani ha ritrovato la fiducia. “Ho incominciato a divertirmi e ho passato Lorenzo. Valentino non era lontano, ho continuato a spingere e gli sono arrivato vicinissimo. Negli ultimi due giri però le gomme era finite e non sono riuscito a passarlo”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti