Tu sei qui

MotoGP, UFFICIALE. Bridgestone si ritira a fine 2015

"E' il momento di lasciare, ma continueremo a investire nello sviluppo". Pirelli e Michelin in pole position

La decisione è stata presa ufficialmente: Bridgestone lascerà la MotoGP alla fine del 2015. Come avevamo anticipato, il costruttore giapponese – più volte al centro delle critiche negli ultimi mesi e protagonista del disastro di Phillip Island – ha deciso di non continuare con la fornitura di pneumatici alla classe regina. Bridgestone aveva incominciato il suo impegno nel massima serie del motociclismo nel 2002, nel 2008 divenne fornitore unico e nel 2009 rinnovò il contratto con Dorna, appunto fino alla fine del prossimo anno.

Shu Ishibashi, vice presidente e responsabile marketing del Gruppo ha dichiarato: “dal 2002 Bridgestone ha investito molto nella MotoGP, riuscendo a diventare il primo fornitore di pneumatici. In questi anni abbiamo stretto una forte e vincente partnership con Dorna e le squadre che ha avuto il suo culmine quando siamo diventati il fornitore ufficiale del campionato. La MotoGP ha dato prova di essere una piattaforma di valore per lo sviluppo delle gomme e ci ha aiutato a introdurre tecnologie avanzatissime nei nostri prodotti stradali. Anche l’immagine del nostro marchio è migliorata in questi anni e siamo orgogliosi di essere stati coinvolti in questa serie, cosa che ci ha permesso di crescere in popolarità anno dopo anno. Anche se abbiamo deciso di lasciare la MotoGP a fine 2015, stiamo considerando altre opportunità per mantenere il nostro ruolo di attore principale nel motorsport mondiale”.

Il general manager del dipartimento motorsport Kyota Futami ha aggiunto: “usciremo con un po’ di tristezza dalla MotoGP. Abbiamo raggiunto tutti i risultati che ci eravamo prefissati al nostro ingresso più di dieci anni fa, ma la nostra azienda crede che sia giunto il momento per uscirne. In questa stagione e nella prossima continueremo a supportare squadre e team allo stesso livello di sempre e continueremo a investire sullo sviluppo delle nostre gomme per la MotoGP. Continueremo a spingere i nostri limiti più in là per assicurare che lasceremo il campionato a fine 2015 nel migliore modo possibile”.

Fino a qui, le comunicazioni ufficiali. Ora si apre la caccia al nuovo fornitore. Non è un segreto che Dorna aveva già in mente di organizzare un’asta per individuare il prossimo gommista e oggi l'ha a sua volta ufficializzata: le offerte potranno pervenire dalla data odierna al 22 maggio. I due nomi più accreditati sono Pirelli e Michelin. La prima è già fornitore unico in Superbike, e – i casi della vita! – anche il suo contratto scade a fine 2015. La seconda ha fatto la storia recente della MotoGP prima di lasciare la palla a Bridgestone. La roulette ha incominciato a girare.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti