Tu sei qui

SBK, STK1000: Jezek dietro all'olandese Valk

GARA - Lorenzo Savadori sfiora il podio, chiudendo in quarta posizione

La pioggia è stata la grande protagonista di questa domenica di Assen e la Superstock 1000 non è stata risparmiata. Una piccola grande lotteria, considerando il grande numero di piloti che non aveva mai provato la propria moto in queste condizioni.

Così, nell'incertezza è uscito fuori un olandese sulla Kawasaki, Kevin Valk, grande conoscitore del circuito e di queste condizioni atmosferiche. Valk ha infatti preso il largo fin da subito, dominando la corsa dal primo all'ultimo giro. "E' stata una bellissima corsa per me, davanti al mio pubblico e alla mia famiglia. Amo la pioggia e la vorrei anche per il futuro".

Ha provato a tenere il suo ritmo il britannico Smith sulla Honda, ma il risultato è stato solo una caduta all'uscita del tornantino quando si trovava in seconda piazza. Così, dopo una bella rimonta dopo una partenza non felicissima, sul secondo gradino del podio si è inserito Ondrej Jezek.

Un risultato importante per il campionato, dopo il passo falso di Aragon: "E' stata un pò una lotteria sull'acqua. Kevin ha preso un bel divario in questi tre giri. Ho cercato quindi di conquistare il secondo posto. Smith è caduto, cosi ho dovuto solo passare Lussiana".

Proprio il francese è stato uno dei protagonisti della corsa, capace di resistere anche al ritorno di Savadori: "Sono partito ottavo e devo dire che sull'asciutto non andavo male. Speravo però nella pioggia, e sono riuscito a fare una bella corsa. Non avevo grip, ma ho tenuto un buon passo e ho fatto podio".

Il migliore dei nostri è stato proprio Lorenzo Savadori. Il pilota Pedercini, partito dalla Pole, ha perso costantemente terreno fino a quando non si è ritrovato a battagliare con il suo rivale in campionato Leandro Mercado. A quel punto, Savadori ha trovato il giusto ritmo, chiudendo quarto a soli sette decimi dal podio. Quinta piazza per Leandro Mercado con la seconda Ducati del team Barni davanti a McFadden e Lanusse. Ottava posizione per Fabio Massei. Gli altri italiani: 14esimo D'Annunzio, 17esimo Cecchini, 18esimo Simone Grotzkyj Giorgi. Ritirati Castellarin, Muresan e Butti.


CRONACA DI GARA


Tutto è pronto per la partenza di questa gara bagnata di Assen. Dopo il protrarsi della seconda manche della categoria regina, arriva finalmente il turno della Superstock 1000. Pista ancora allagata, tanto che Pesek è caduto nel giro di allineamento.


- Partenza valida, bellissimo scatto di Savadori, che transita primo alla prima curva. Caduta per Suchet alla curva due. La classifica: Savadori, Smith, Valk. Male le Ducati con Jezek quinto e Mercado settimo. Lussiana al T3 passa in terza posizione, in lotta con Falk.


- 09 giri al termine: Valk passa subito in prima posizione, ma Savadori perde terreno, con Smith che sopravanza l'italiano. Dentro anche Lussiana su Savadori. Ora Jezek sull'italiano della Kawasaki.

-08 giri al termine: scambio di posizioni tra Jezek e Savadori con il ceco che sopravanza l'italiano in quarta posizione. Intanto è sempre Valk a dominare la gara con 2.3 secondi su Smith. Lotta aperta ancora Kawasaki e Ducati: ora Mercado passa Savadori, ma nell'ultima esse l'italiano torna davanti

-07 giri al termine: caduta all'uscita del tornantino per Butti.

il punto della situazione: Valk sta dominando su Smith e Lussiana. Jezek quarto, McFadden quinto davanti a Savadori e Mercado. Massei è nono, Cecchini 12esimo, D'Annunzio 16esimo

06 giri al termine: Solo Valk e Smith hanno un passo inferiore ai 2 minuti. Savadori sembra aver ripreso il ritmo, ma sembra tardi oramai per giocarsi delle posizioni di vertice. Lussiana e Jezek sembrano i contendenti per il terzo posto.

-05 giri al termine: i tempi scendono, la pista si sta leggermente asciugando: ora si gira sull'1'58. Intanto Savadori torna in quinta posizione passando McFadden. Anche Mercado sale sesto. Colpo di scena: caduto Kyle Smith quando era secondo. Ora è Ondrej Jezek in econda posizione con Lussiana terzo.

-04 giri al termine: Lussiana prova a tirare la staccata a Jezek alla prima curva, ma il pilota Ducati rimane secondo.

-03 giri al termine: miglior giro per McFadden, ma subito dopo il più veloce è Savadori.

-02 giri al termine: Savadori sembra aver preso - tardi - il ritmo. E' quarto ma è l'unico a girare in 1'57. Lussiana è a due secondi, ma nell'ultimo passaggio ha preso 8 decimi al suo rivale.

- Ultimo giro: Passerella finale per Volk. Secondo Jezek, terzo Lussiana con Savadori quarto a 7 decimi. Quinto Mercado. Gli altri italiani sul traguardo: Massei ottavo, D'Annunzio 14esimo, Cecchini 17esimo, Grotzkyj Giorgi 18esimo.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti