Tu sei qui

MotoGP, Dovizioso: in gara servirà dolcezza

Occhi puntati sulle gomme. Iannone: "un po' di male al collo. Sono contento più del mio passo che del giro secco"

Andrea Dovizioso è ritornato in seconda fila in Argentina, una buona notizia che dimostra i progressi fatti dalla Ducati. Il forlivese aveva detto che una pista inedita avrebbe potuto giocare a suo favore e non si è fatto scappare l’occasione. Il primo passo è fatto, ma solo in gara ci sarà la prova del nuove e i 25 giri sulla pista di Termas de Rio Hondo sono pieni di incognite.

Sono molto contento perché siamo riusciti a migliorare molto il nostro passo gara nel pomeriggio – spiega - Nella mattinata eravamo ancora molto lontani, dopo cinque giri i miei tempi di alzavano di due secondi, era impossibile girare così. Sono soddisfatto del lavoro della mia squadra, siamo riusciti ad arrivare al livello degli altri. Ero in ottime condizioni per la qualifica ed ho fatto un buon tempo”.

Dopo avere realizzato il sogno una volta, la voglia di ripetersi è tanta. Sulla carta le possibilità ci sono e il Dovi non le nasconde pur senza fare proclami.

Non sappiamo cosa ci aspetterà domani in gara, però abbiamo recuperato la situazione e partire in seconda fila è importante. Ci proveremo come ad Austin. Sarà sicuramente una gara più anomala rispetto a quella del Texas perché il consumo della gomma posteriore è enorme per tutti, nessuno può fare previsioni. Non penso che ci siamo mai trovati in una situazione così complicata, riuscire a guidare in modo dolce, senza essere aggressivi con le gomme farà la differenza”.

Andrea IannoneAnche Andrea Iannone ha voglia di ripetere l’ottima prestazione di due settimane fa, giri finali a parte. Dopo la brutta caduta di ieri, oggi il pilota di Vasto è comunque riuscito a sfruttare la meglio la sua Desmosedici conquistando l’ottava posizione in qualifica.

Sento dolore al collo ma ce l’ho messa tutta lo stesso, adesso mi metterò nella mani del mio fisioterapista. Dopo tutto quello che è successo, oggi non è andata per nulla male. Più che del giro secco, sono contento del mio passo: nelle FP4 ho chiuso sesto in assetto da gara. So che gestire le gomme non sarà semplice ma abbiamo trovato una buona messa a punto. Mi aspetto una bella gara”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti