Tu sei qui

MotoGP, Marquez: sono in un momento perfetto

I piloti promuovono Termas de Rio Hond. Bradl: "circuito veloce e la gara sarà molto combattuta"

Marc Marquez sorride, si sente in ottima forma e non fa nulla per nasconderlo. Mentre gli avversari si affannano per scoprire il modo in cui batterlo, il piccolo diavolo si gode le gare con la gioia di un bambino a cui hanno regalato un nuovo giocattolo. Tutto per lui.

Ovviamente questo sarà un fine settimana interessante per tutti. Bisognerà lavorare più del solito e farlo nel migliore dei modi – dice – Sarà importante capire le traiettorie e adattare setup e stile di guida alla pista. La prima impressione è di un circuito molto bello, divertente. Penso che nei primi turni l’asfalto sarà scivoloso, quindi bisognerà trovare la direzione giusta da seguire”.

Un’impresa non impossibile per chi ha già dimostrato (basta ricordarsi Laguna Seca e Austin) di riuscire a interpretare velocemente i nuovi circuiti. Arrivare poi in Argentina dopo una doppietta non fa che rendere le cose più semplici, almeno sulla carta.

Mi sento al 100% - non nasconde – Dopo le due vittorie ho una grande fiducia. Il rovescio della medaglia è che c’è una grande pressione, perché tutti si aspettano molto da me. Sono in un bellissimo momento, devo gestirlo al meglio perché so che il campionato è lungo e può ancora succedere tutto”.

I rivali sperano che il circuito di Termas de Rio Hondo possa rimescolare le carte, a partire da Stefan Bradl che lo conosce già dopo i test dello scorso anno. “Ci ho già girato, ma la pista era molto sporca e il secondo giorno era piovuto – ricorda – La pista mi piace, non ha molte buche, è piuttosto veloce ed esigente per le gomme. Penso che il gap tra i vari piloti sarà molto ristretto, sarà una gara combattuta”.

Una prima idea se l’è fatta anche Bradley Smith: “è difficile dare un giudizio ora. Domani sarà tutto più chiaro, ci sono punti più stretti e altri più veloci. Per ora non posso dire di più”.

Chi la conosce bene è Sebastian Porto, che torna al Mondiale come wild card in Moto2 e che ci ha già corso nel campionato nazionale. “Il circuito è in ottime condizioni e ci sarà da divertirsi. Ci sono delle curve diverse dal solito, come la 6 e la 12, che sono molto lunghe. Man mano che si gommerà, le condizioni cambieranno molto da un turno all’altro”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti