Tu sei qui

SBK, I piloti scaldano il polso...con lo scratch

Assen: le parole di Rea, Laverty, Melandri, Davies, Corti & co. prima di cimentarsi alla consolle

Il consueto incontro tra piloti e pubblico all'interno del paddock show di Assen ha preso una piega inaspettata quando gli assi della SBK hanno messo alla prova il polso sui piatti della console digitale. I risultati non sono sempre stati all'altezza dell'abilità nel dosare il gas e portare le rispettive moto ai massimi angoli di piega, ma se non altro i piloti si sono prestati al gioco. Che si appresta a farsi duro, a partire da domani mattina alle 11.45 (FP1). Ecco le dichiarazioni dei diretti interessati.

Christian Iddon (Bimota Team Alstare) – "Ci resta molto sviluppo da fare, ma sono innanzitutto contento di essere qui. Ad Aragon abbiamo vissuto un debutto positivo, e sono convinto che ci avvicineremo in fretta alle posizioni più alte".

Leon Camier (BMW Motorrad Italia Superbike Team) – "Dopo una off-season orribile, poter correre al posto di Sylvain - che si sta riprendendo in fretta ed al quale faccio i miei migliori auguri - è stata una bella opportunità. Ad Aragon siamo andati forti, e spero di continuare a guidare bene ed ottenere altri buoni risultati, poi si vedrà".

Claudio Corti (MV Agusta Yakhnich) – "Aragon è stato un week-end da dimenticare. Ho avuto un problema elettrico in Gara 1, e sono caduto per un errore mio in Gara 2. La moto sta migliorando passo dopo passo, e spero di fare molto meglio qui".

Aaron Yates (Team Hero EBR) – "Abbiamo iniziato la stagione senza poter fare alcun test, quindi è normale che abbiamo faticato. Ma i miglioramenti della moto sono stati costanti, in Spagna abbiamo fatto grandi passi avanti ed ero molto più a mio agio in sella. È la prima volta ad Assen, e sono molto curioso di correre su questa pista".

Marco Melandri (Aprilia Racing Team) – "Ad Aragon abbiamo vissuto un fine settimana difficile, di alti e bassi, ma ho dato tutto quello che avevo. Assen è una delle mie piste preferite, anche se in SBK non ho un gran record qui. Ma l'Aprilia si è storicamente comportata bene su questa pista, quindi non vedo ragione per non poter sfatare il tabù".

Loris Baz (Kawasaki Racing Team) – "Come inizio di stagione sono soddisfatto. Ho guidato bene fin qui, ma soprattutto mi diverto molto in sella. Abbiamo lavorato duro durante l'inverno con Kawasaki, ed i risultati si vedono. Assen è una delle mie piste preferite, lo scorso anno sono salito sul podio e spero di fare bene. Aragon era una pista ostica per me, ma sono andato forte. Sono fiducioso".

Eugene Laverty (Voltcom Crescent Suzuki) – "Tutto sommato, il nostro inizio di stagione è stato positivo. A Phillip Island è arrivata una vittoria incredibile, ad Aragon ho faticato ma comunque finito nelle posizioni alte. La Suzuki dovrebbe comportarsi bene su questa pista, e lo scopriremo presto".

Chaz Davies (Ducati Superbike Team) – "Ad Aragon è stato un week-end di alti e bassi. Ho fatto il giro veloce in gara, ma sono anche caduto. Assen teoricamente si addice alla Panigale, vista la scorrevolezza della pista. Non vedo l'ora di scendere in pista domani".

Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) – "Per la mia squadra e per me, questa è la gara di casa. Ho un buon record su questa pista (terzo assoluto tra le derivate di serie, con quattro vittorie), e amo la sua atmosfera ed il pubblico. La CBR è sempre andata bene qui, e spero di fare due gare al vertice".

Chi è il favorito secondo voi? Scriveteci QUI!

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti