Tu sei qui

Moto3, WUP: Antonelli si arrende solo a Vazquez

Moto2. Il debuttante Folger davanti a tutti. Corsi e De Angelis in top ten

Sotto il cielo cupo di Austin Efren Vazquez e il debuttante Jonas Folger sono i protagonisti del warm-up. Nella Moto3 lo spagnolo chiude al comando l’ultimo turno, ma la sorpresa  è Niccolò Antonelli. La KTM del pilota di Cattolica riesce a tenere dietro le Honda di Marquez (+0.454) e Rins (+0.502). Solo quarto Jack Miller (+0.530), che nella giornata di ieri ha fatto segnare il nuovo record del tracciato. Nei primi dieci anche Fenati, più staccati Bagnaia e Bastianini, così come i portacolori del Team Italia  e Tonucci.

Se nella minima cilindrata sventola la bandiera spagnola, nella Moto2 è Folger ad alzare quella tedesca. Una sessione molto combattuta, dove il debuttante riesce a tenere alle proprie spalle Kallio (+0.047) e Simon (+0.120). Insegue Rabat (+0.250) col settimo tempo, preceduto da Corsi (+0.218), mentre nono è Alex De Angelis (+0.442). Fuori dalle prime dieci posizioni Zarco, così come Pasini (13°), Morbidelli (23°) e Baldassarri (25°).

MOTO3- Il passo lo segna subito Efren Vazquez (2’18”825), che nel pomeriggio partirà dalla seconda pozione in griglia dietro a Jack Miller. L’australiano però è lì, a soli cinque decimi dallo spagnolo, seguito da Marquez. Tiene il passo, anche se con un secondo di ritardo, Fenati, mentre nella top ten resiste la KTM di Antonelli. Rispetto alle prove di ieri si gira un secondo più lenti, tanto che Bagnaia riesce a mettere le proprie ruote davanti a Antonelli.

A metà turno Marquez abbassa di mezzo secondo il tempo di Vazquez, con quest’ultimo che si migliora, portandosi a meno di un decimo dal connazionale. In crescita anche Rins, che scavalca Miller, mentre il ceco Hanika, campione della Rookies Cup, scalza dai primi dieci Antonelli. Caduta senza conseguenze per Guevara, costretto a concludere in anticipo il warm-up.

Nel finale Vazquez ristabilisce le gerarchie, scendendo sotto i 2’17”. La sorpresa però è Niccolò Antonelli (+0.383), che riesce a salire in seconda posizione davanti a Marquez (+0.454). Inseguono Rins (+0.502) e il poleman Miller (+0.530), mentre nella top ten resiste Fenati (10°, +1.057). Out dai primi dieci Bagnaia (12, +1.426), così come Bastianini (16°), Locatelli (17°) Ferrari (25) e Tonucci (27).

MOTO2- Nakagami imposta il ritmo, girando un secondo più lento rispetto al record di Rabat. Lo segue a poco più di un decimo Kallio e Simone Corsi (+0.104). Tempi ancora molto ravvicinati, tanto che nelle prime tredici posizioni sono tutti in un secondo.

A metà turno Lowes cade a terra, evitando per una questione di millimetri il contatto con la moto di Salom. Nessuna conseguenza per la Speed Up del britannico che riesce a rientrare in pista. Intanto giungono i primi cenni di reazione da parte di Pasini e De Angelis, che riescono a entrare nei primi dieci. Più staccato Rabat.

Sul finire del turno Jonas Folger fa segnare il miglior tempo. Nonostante una caduta ad un minuto dal termine, il crono del tedesco riesce a reggere. Distacchi minimi, tanto che in un secondo ci sono ben 20 piloti. Alle spalle della Kalex insegue Kallio, precedendo Simon e Nakagami. Soltanto settimo Rabat, più indietro Zarco, che partirà dalla seconda posizione. Nei primi dieci tengono Corsi (6°, +0.218) e De Angelis (9°, +442). Più indietro Pasini (13°, +5.565), così come Baldassarri (23) e Morbidelli (25).



Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti